spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sciame sismico nel Chianti fiorentino: la terra continua a tremare

    Epicentri sempre localizzati nella stessa area di martedì scorso, ovvero la valle della Greve nella zona di confine fra i comuni di Impruneta, San Casciano e Greve in Chianti

    CHIANTI FIORENTINO – Continua a tremare  terra nel territorio del Chianti fiorentino.

    Dopo le scosse di martedì 3 maggio, con i picchi di magnitudo 3.7 e 3.4 che avevano allarmato la popolazione, avvertiti distintamente in mezza Toscana, in realtà la terra non aveva mai smesso di “brontolare”.

    Ma è stato solo dal tardo pomeriggio di oggi, sabato 7 maggio, che è tornata a farlo in modo più consistente.

    Al momento, va sottolineato, con valori molto bassi, solo in un caso (alle 18.13) si è raggiunto il magnitudo di 2.0.

    Poi, nella notte di domenica 8 maggio, anche una scossa da 2.3 alle 2.56. Alle 12.12 un’altra scossa da 2.3, avvertita distintamente in molti comuni.

    Ma il numero di scosse si è fatto numericamente molto consistente. Decine e decine.

    Alcune di queste sono state avvertite dalla popolazione, ed è ripartito il tam tam, soprattutto sui canali social.

    Epicentri sempre localizzati nella stessa area di martedì scorso, ovvero la valle della Greve nella zona di confine fra i comuni di Impruneta, San Casciano e Greve in Chianti.

    Che sono anche i comuni nei quali vengono avvertite maggiormente. Fino a quello di Bagno a Ripoli.

    Insomma, lo sciame sismico iniziato martedì 3 maggio è ancora in corso: con il carico di preoccupazione che, comunque, porta con sé.

    RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...