spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Altre scosse di terremoto fanno tremare il Chianti fiorentino: magnitudo 3.4 alle 22.14, 2.7 alle 23

    Dopo la scossa di 3.7 del pomeriggio, preceduta e seguita da altre di entità minore, la terra è tornata a tremare in modo evidente

    CHIANTI FIORENTINO – Adesso per chi vive nel territorio del Chianti fiorentino la memoria corre davvero a quella fine di 2014, inizio di 2015, quando nel comune di San Casciano e aree limitrofe si registrarono centinaia di scosse di terremoto.

    # Scossa di terremoto: epicentro fra Impruneta e San Casciano, magnitudo di 3.7

    # Chianti fiorentino, i sindaci: “Il terremoto non ha causato alcun danno a cose o persone”

    Per uno sciame sismico che mise a dura prova la resistenza psicologica di molte persone.

    Il motivo è presto detto: dopo la scossa di oggi pomeriggio, di magnitudo 3.7 sulla scala Richter, seguita e preceduta da altre scosse di intensità più lieve, la terra è tornata a tremare in maniera evidente dopo cena.

    # L’approfondimento dell’INGV dopo la scossa da 3.7: “Zona dalla pericolosità sismica media”

    Erano infatti le 22.14 quando i cittadini di San Casciano, Impruneta, Barberino Tavarnelle, Greve in Chianti (ma anche di tutti i comuni limitrofi, compreso Firenze, fino al Mugello e oltre) hanno di nuovo sentito tremare il terreno, vibrare i vetri.

    L’INGV (Istituto Nazionale Geofisica e Vulcanologia) quantifica in 3.4 l’intensità sulla scala Richter della scossa.

    La zona è sempre la stessa delle scosse del pomeriggio, ovvero il comune di Impruneta, al confine con quello di San Casciano e Greve in Chianti.

    Per la precisione, in prossimità della frazione del Ferrone.

    Poi, a seguire, erano le 23 quando la terra ha tremato ancora in modo consistente: magnitudo 2.7, stessa zona-epicentro.

    La scossa delle 23, 2.7 scala Richter

    “In seguito a questa seconda scossa di terremoto di magnitudo 3.4 – avevano detto dalla Protezione Civile della Regione Toscana dopo quella delle 22.14 – alla Sala Operativa regionale non sono pervenute segnalazioni di danni a cose o persone”.

    “Sono in stretto contatto con la sala regionale della Protezione Civile e con i Comuni interessati – aveva confermato il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani – Al momento non si registrano danni”.

    “Al momento non si registrano danni a cose o persone – questo il messaggio del sindaco metropolitano, Dario Nardella – Le sale della Protezione Civile Metropolitana e comunale rimarranno allertate per la notte”.

    LE INFO UTILI DELLA PROTEZIONE CIVILE IN CASO DI TERREMOTO, CAMPAGNA “IO NON RISCHIO”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...