spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Accoglienza della popolazione ucraina, cosa fare a Bagno a Ripoli : le prime procedure

    Tutte le situazioni già codificate, i numeri e le mail di riferimento, quello che può fare chi ha un immobile vuoto e lo vuol mettere a disposizione

    BAGNO A RIPOLI – A seguito degli incontri intercorsi con la Prefettura e la Questura di Firenze e delle direttive emerse, l’amministrazione comunale di Bagno a Ripoli ha attivato le procedure di accoglienza per i cittadini ucraini.

    Che, scappando dallo scenario di guerra, stanno raggiungendo il nostro paese e anche il nostro territorio.

    Due in particolare le situazioni codificate.

    1. Per i cittadini ucraini che hanno già disponibilità di un’autonoma sistemazione è necessario sapere che chi già ospita o ospiterà cittadini ucraini che dispongono di un’autonoma sistemazione deve, entro 48h dall’arrivo:

    – recarsi presso l’Urp del Comune 

    ◦ per compilare il modulo di ospitalità (cessione del fabbricato) 

    ◦ e in presenza di minori per provvedere alla richiesta di inserimento scolastico;

    – Chiamare il numero verde sanità 800 556060 per lo screening sanitario e il rilascio di certificazione idonea a ottenere l’assistenza sanitaria;

    Non appena possibile, nelle settimane successive, contattare la Questura – Ufficio immigrazione per le successive operazioni sulla regolarizzazione e rilascio del permesso di soggiorno (telefono 05549771 – Uffici via della Fortezza 17).

    2. Per i cittadini ucraini che NON dispongono di un’autonoma sistemazione:

    Il cittadino ucraino senza autonoma sistemazione, anche per il tramite del soggetto accompagnatore, si reca al Punto Accoglienza per l’Emergenza Ucraina più vicino che a breve sarà individuato nell’area fiorentina.

    Presso il punto Accoglienza viene registrata la presenza, effettuato il tampone e informata la Prefettura territorialmente competente. 

    Per ulteriori informazioni contattare.

    Comune di Bagno a Ripoli, Ufficio Relazioni con il Pubblico, 0556390222, urp@comune.bagno-a-ripoli.fi.it.

    Orario di apertura al pubblico: lunedì – mercoledì – venerdì dalle 8 alle 13. Il martedì e il giovedì dalle 8 alle 12 e dalle 14.30 alle 18.

    Prefettura di Firenze: centro di coordinamento attivato presso la Prefettura scrivendo all’indirizzo e-mail emergenzaucraina.pref_firenze@interno.it o telefonando ai seguenti numeri: 0552783574 – 0552783575 – 0552783578 – 0552783579.

    Inoltre, i cittadini di Bagno a Ripoli che desiderano mettere a disposizione del sistema di accoglienza un immobile di cui hanno la piena titolarità/possesso possono manifestare la propria adesione compilando il modulo disponibile sul sito del Comune: https://www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it/.

    La ricerca riguarda esclusivamente immobili non in coabitazione.”Stiamo predisponendo tutte le procedure amministrative di supporto – ha reso noto il sindaco

    Francesco Casini – per far sì che tutti coloro che già sono sul nostro territorio e quelli che arriveranno, possano usufruire di tutti i servizi necessari, in particolare l’assistenza sanitaria, vaccinazione compresa, e l’inserimento dei percorsi scolastici per i più giovani”.

    “Per i tanti minori ad esempio – ha concluso – riprendere l’attività scolastica potrebbe rappresentare un primo importante passo verso il ritorno ad una vita normale per quanto diversa dalla quella che era il loro quotidiano fino a due settimane fa. Ringrazio in anticipo tutti coloro che, generosamente, aderiranno fattivamente nell’accoglienza in ogni sua forma”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...