spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un’apericena per…. sostenere il peso della culla per il trasporto neonatale

    L'iniziativa del Comitato ripolese della Croce Rossa in programma per il 22 novembre

    BAGNO A RIPOLI – Una serata di beneficenza per aiutare il Comitato di Bagno a Ripoli della Croce Rossa Italiana ad acquistare una culla per il trasporto neonatale.

     

    L'apericena è in programma per venerdì 22 novembre alla Sala Conferenze in via Fratelli Orsi.

     

    La somma raccolta servirà a finanziare l'aquisto di uno Stem Sherpa: un dispositivo che agevola le manovre di caricamento e scaricamento della barella per il servizio neonatale, che trasporta una termoculla con strumentazioni del peso di 170 kg.

     

    In pratica Stem Sherpa è un verricello a comando elettronico che viene agganciato alla barella nelle fasi di carico e scarico, consentendo ai volontari di operare con maggiore facilità e garantendo sicurezza per il neonato trasportato. Lo strumento è un valido supporto anche in caso di avarie dei tradizionali sistemi meccanici.

     

    Il contributo minimo per l'apericena è di 10 euro: prenotazione obbligatoria entro il 19 novembre. Tel. 331.8211951 – 392.0868757

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...