spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bagno a Ripoli, L’A.R.C.A. rinnova le cariche sociali: Elisabetta Brunelleschi eletta presidente

    "Per la sua esperienza e profonda conoscenza del territorio e della sua storia. In un'associazione che ha la cultura e l’ambiente come pilastri della propria attività"

    BAGNO A RIPOLI – Lo scorso 12 aprile, l’assemblea dell’associazione ambientalista L’A.R.C.A., a Bagno a Ripoli, ha eletto il nuovo consiglio direttivo per il quadriennio 2024-2028.

    Questi i nuovi consiglieri: Elisabetta Brunelleschi, Gian Carlo Campani, Stefania Gennai,
    Monica Trapletti, Valerio Pellegrini, Sonia Salsi e Luisa Federici.

    “Giusto riconoscimento – spiegano dall’associazione – alle persone che in questi quattro anni hanno lavorato per la riuscita delle attività dell’associazione e per la sua crescita, tanto da porsi come soggetto di rilievo nel territorio di Bagno a Ripoli”.

    Il consiglio direttivo ha poi nominato segretaria Stefania Gennai, vice presidente e tesoriere
    Gian Carlo Campani. Nuovo presidente dell’associazione è stata nominata Elisabetta Brunelleschi.

    “Per la sua esperienza e profonda conoscenza del territorio e della sua storia – sottolineano in conclusione da L’A.R.C.A. – Elisabetta Brunelleschi merita di ricoprire a pieno titolo la carica di presidente della nostra associazione che ha la cultura e l’ambiente come pilastri della propria attività. Buon lavoro ad Elisabetta e agli altri consiglieri”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...