spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bussolin: “A Bagno a Ripoli la Lega torna in consiglio comunale con Gregorio Martinelli Da Silva”

    Il Carroccio era assente dopo l'espulsione dello stesso Martinelli per alcune frasi sessiste e l'addio di Paola Frosali e Francesco Vulpiani

    BAGNO A RIPOLI – “La Lega torna in consiglio comunale a Bagno a Ripoli grazie al rientro del consigliere comunale Gregorio Martinelli Da Silva“.

    Lo annuncia il Commissario Provinciale della Lega Firenze, Federico Bussolin.

    Il Carroccio, lo ricordiamo, si era ritrovato ad avere zero consiglieri comunali dopo che ne aveva avuti tre.

    Lega Bagno a Ripoli, volano stracci. I due consiglieri usciti: “Il segretario provinciale parla a sproposito”

    Lo stesso Martinelli era stato messo fuori dal partito per alcune frasi sessiste.

    Mentre la ex capogruppo Paola Frosali e il consigliere Francesco Vulpiani (che aveva sostituito l’ex Forza Italia Alberto Acanfora, passato alla Lega a legislatura in corso) si erano messi fuori da soli.

    “Nel momento storico attuale – sono ancora parole di Bussolin – dove le persone soffrono la crisi energetica ed economica e chiedono risposte dalla politica, diventa imperativo concentrarsi sul futuro dei nostri territori mettendo da parte questioni passate”.

    “L’attività del consigliere Martinelli Da Silva – rilancia – coordinata con la Lega, sarà importante per la costruzione delle elezioni amministrative di Bagno a Ripoli nel 2024. È nostra intenzione infatti mettere insieme le nostre conoscenze ed energie utili a voltare pagina in città”.

    “Le polemiche “rosse” Pd-Iv – conclude Bussolin – con le loro spaccature politiche causeranno nel futuro molti scenari imprevedibili. E la Lega si farà come sempre trovare pronta ad ogni sfida, per il bene di Bagno a Ripoli e dei suoi cittadini”.

    “Il mio rientro nella Lega – dichiara il consigliere comunale Gregorio Martinelli Da Silva – ha il sapore del ritorno a casa”.

    Il consigliere Martinelli (Lega) non arretra nella sua “crociata” per i cattolici eterosessuali

    “Dopo tre mesi di studi in Russia – racconta – tornare a svolgere il mio ruolo di consigliere nel comune dove abito, con il sostegno del partito in cui sono stato eletto, è motivo di serenità e stimolo per iniziare finalmente a costruire un’alternativa valida e radicata alla sinistra per le prossime amministrative”. 

    “Nella Lega – puntualizza – ho sempre avuto tanti amici che condividono i miei stessi ideali e le mie stesse battaglie, inoltre, l’elezione alla presidenza della Camera dell’onorevole Lorenzo Fontana, la fiducia che ho sempre riposto nel segretario Matteo Salvini e la condivisione del progetto per Bagno a Ripoli avuta con il Commissario Provinciale Federico Bussolin aveva come logica conseguenza, il rientro nel partito”.

    “I cittadini di Bagno a Ripoli – conclude Martinelli Da Silva – avevano espresso, con il voto, la volontà di avere una rappresentanza della Lega nel consiglio comunale ed è giusto non tradire tale volere; un atto di coerenza e democrazia che, nel suo piccolo, spero contribuisca a ricucire lo strappo che il sindaco di Italia Viva, Casini, ha causato nella società ripolese”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...