spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Domenica tra libri (c’è Marco Vichi) e concerti (in memoria di Valeriano Rigacci) alla Cdp di Grassina

    Alle 11 la presentazione dei libri di Marco Vichi e Leonardo Gori. Nel pomeriggio torna il Coro Sociale di Grassina con un concerto in memoria dell'ex presidente

    BAGNO A RIPOLI – Ripartono le attività del Coro Sociale della casa del popolo di Grassina dopo l’interruzione forzata causata dal Covid.

    Il primo concerto, diretto dal Maestro Francesco Romano con la partecipazione straordinaria della ex insegnante Ginko Yamada, si terrà domenica 21 novembre.

    E sarà dedicato alla memoria di Valeriano Rigacci, storico presidente della Cdp scomparso nel marzo scorso.

    Al pianoforte ci saranno i Maestri Sayuri Machida ed Eugenio Milazzo.

    Per molti anni presidente della stessa casa del popolo di Grassina, Rigacci è stato un grande amico e sostenitore del Coro Sociale, accompagnandone le iniziative nel corso degli anni.

    Valeriano Rigacci

    L’appuntamento è per le ore 16.30 di domenica presso la sala della casa del popolo (piazza Umberto I). L’ingresso sarà a offerta libera, con l’obbligo di esibire il Green Pass e indossare la mascherina.

    Nello stesso giorno e sempre presso la Cdp grassoinese, alle 11 il Centro Commerciale Naturale “Grassina e le sue botteghe” ha organizzato la presentazione degli ultimi libri di Marco Vichi e di Leonardo Gori.

    I due autori parteciperanno, presentando le loro ultime fatiche – rispettivamente – “La casa di tolleranza” e “La lunga notte”.

    Anche in questo caso, sarà necessario il Green pass e sarà obbligatorio indossare la mascherina.

    Entrambe le iniziative si svolgeranno con il patrocinio del Comune di Bagno a Ripoli.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...