spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ex calciatore del Grassina scampato alla strage nel Maine. La società: “Gli mandiamo un abbraccio”

    Sebastian Iacovitti, 20 anni, barricato insieme ad altri studenti a Lewinston, dove la follia dell'aggressore ha causato 18 vittime

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – C’era anche un fiorentino, Sebastian Iacovitti, 20 anni, nella zona del Maine (Lewinston) insanguinata dalla follia di Robert Card.

    L’ennesima strage americana avvenuta ieri, giovedì 26 ottobre, con (al momento) 18 morti e 13 feriti, poteva avere nella drammatica lista di morti e feriti anche Sebastian.

    Lo ricorda il Grassina Calcio, nelle cui fila il ragazzo, classe 2003, ha vinto un campionato Juniores Regionali nel 2022.

    “Sebastian – dicono dal Grassina Calcio – studia al Bates College, distante poche centinaia di metri dal teatro della tragedia che ha colpito gli Stati Uniti nelle ultime ore”.

    “Nell’attesa che l’attentatore venga neutralizzato – proseguono – i nostri pensieri sono per Sebastian e per la famiglia, a cui il ragazzo si è rivolto con un eloquente pregate per noi”.

    “La paura e il terrore – scrive ancora il Grassina Calcio – vivono ancora negli occhi di Iacovitti e dei coetanei, che al momento dell’attentato stavano seguendo un seminario al college, dove sono rimasti barricati per ore, protetti dalle forze dell’ordine”.

    “In attesa del ritorno alla normalità e alla tranquillità universitaria – aggiungono – mandiamo un enorme abbraccio a Sebastian”.

    “Che come vedete – concludono, pubblicando la foto del ragazzo nella camera del’Università, con dietro un gagliardetto del Grassina – ha deciso di portare un po’ di rossoverde anche negli Stati Uniti. Uno di noi”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...