domenica 29 Novembre 2020
Altre aree

    Il fine settimana del Cinema Antella: da venerdì 23 a domenica 25 c’è “Padrenostro” con Favino

    Il film, premiato al Festival di Venezia, descrive uno straziante ritratto del rapporto padre-figlio e vede come protagonista un magistrale Pierfrancesco Favino: il trailer

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – Questo weekend al cinema del CRC Antella arriva “Padrenostro” di Claudio Noce.

    La pellicola, ambientata a Roma nel 1976, racconta la storia di due ragazzini e dell’estate in cui faranno una scoperta terribile, la violenza degli adulti, e una meravigliosa: la forza dell’amicizia.

    Il film, premiato al Festival di Venezia, descrive uno straziante ritratto del rapporto padre-figlioe vede come protagonista un magistrale Pierfrancesco Favino.

    La proiezione avverrà in sicurezza e nel rispetto del distanziamento imposto dalle misure anti-Covid.

    Il film sarà in sala da venerdì 23 a domenica 25 ottobre coi seguenti orari di proiezione: venerdì e sabato alle 21.30, domenica alle 17 e alle 21.30.

    Il venerdì e la domenica speciale offerta pizza + bevuta + cinema 15 euro.

    Il Cinema Antella è ospitato all’interno del Circolo ricreativo culturale di Antella in Via di Pulicciano, 53. Tel: 055621207.

    Le iniziative cinematografiche e teatrali del Crc Antella sono patrocinate dal Comune di Bagno a Ripoli.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...