spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Grassina, trovati i vandali che hanno distrutto le auto nella notte di Capodanno

    Sono due minorenni, uno di Firenze e l’altro di Bagno a Ripoli: sequestrati motorino, caschi ed un piede di porco, verosimilmente utilizzato per danneggiare le vetture in sosta

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Nella serata di martedì 5 gennaio, i carabinieri della Compagnia di Firenze Oltrarno hanno denunciato in stato di libertà all’autorità giudiziaria due minorenni, ritenuti responsabili dei danneggiamenti di autovetture avvenuti nei comuni di Firenze e Bagno a Ripoli la notte di Capodanno.

    A seguito delle segnalazioni dei cittadini e delle denunce sporte dai proprietari delle auto danneggiate a Badia a Ripoli e Grassina, i militari hanno avviato una attività d’indagine.

    # Grassina, fine d’anno di follia: vetri sfondati alle auto nella zona del parcheggio della chiesa

    Che si è basata sull’acquisizione dei filmati dei sistemi di videosorveglianza del comune di Bagno a Ripoli e di quello di Firenze.

    Grazie ai quali sono riusciti ad individuare lo scooter utilizzato per la bravata e risalire così ai responsabili.

    Uno dei due, invitato in caserma, ha ammesso di aver commesso la bravata, confermando così quanto già ipotizzato dai carabinieri.

    # Il sindaco Casini: “I due vandali di Grassina individuati anche grazie alle nostre telecamere”

    Ai due minorenni, uno di Firenze e l’altro di Bagno a Ripoli, sono stati sequestrati motorino, caschi ed un piede di porco, verosimilmente utilizzato per danneggiare le vetture in sosta.

    Oltre a ciò, sono stati sanzionati per aver violato il coprifuoco previsto dalle norme anti Covid-19.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...