spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Comune di Bagno a Ripoli acquista dalla Metrocittà la “Casina del guardia” e l’area delle feste di Mondeggi 

    Investimento di 65mila euro per la palazzina (di circa 50 metri quadrati) e circa 3,5 ettari di parco

    BAGNO A RIPOLI – Il Comune di Bagno a Ripoli ha acquistato dalla Città Metropolitana di Firenze la “Casina del guardia” e l’area delle feste del parco di Mondeggi, tra Scolivigne e Capannuccia, lungo via di Tizzano.

    Per diventare proprietario della palazzina di 50 metri quadrati, un tempo postazione del guardiano del parco, e dei tre ettari e mezzo di terreni, utilizzati da anni da numerose associazioni per iniziative e manifestazioni, l’amministrazione ha speso circa 65mila euro.

    La risorse sono una parte di quanto ricavato dal Comune nei mesi scorsi dalla vendita del Podere Le Corti a Osteria Nuova (per una cifra di un milione di euro circa).

    “Dopo molti anni si concretizza l’acquisto di un’area che l’amministrazione ha sempre ritenuto necessaria – spiegano il sindaco Francesco Casini e l’assessore al patrimonio Enrico Minelli – oggi ancora più strategica nell’ottica del progetto di recupero complessivo del parco di Mondeggi”.

    “Finora – proseguono – il Comune ha sempre avuto la disponibilità dei terreni in affitto. Adesso che ne diventa proprietario può realizzare investimenti e progettualità per sistemarli e migliorarli nell’ottica di una sempre maggiore fruizione pubblica per donarli alla comunità”.

    “L’amministrazione in questi anni ha effettuato alcune alienazioni – concludono Casini e Minelli – ma ha acquisito al contempo spazi e immobili più strategici, come in questo caso”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...