spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tari, la mozione del Pd Bagno a Ripoli: “Regione e ATO aumentino lo sconto per i Comuni virtuosi”

    "Nell’ottica di arrivare quanto prima ad una “tariffa puntuale” in grado di premiare chi più differenzia"

    BAGNO A RIPOLI – “Una mozione per chiedere alla Regione Toscana e ad ATO Toscana Centro di aumentare la quota parte destinata allo sconto in tariffa per i cosiddetti Comuni virtuosi, nell’ottica di arrivare quanto prima ad una “tariffa puntuale” in grado di premiare chi più differenzia”.

    La annuncia il gruppo consiliare del Partito democratico a Bagno a Ripoli in vista della prossima seduta del consiglio comunale in programma il 28 febbraio.

    # Saldo Tari, Cittadinanza Attiva: “Non bastavano gas ed energia. Aumenti anche qui”

    “L’assemblea di Ato del dicembre 2021 – ricordano – ha infatti deliberato di stanziare un fondo di circa 800.000 euro (che potrebbe essere incrementato per l’anno in corso) da destinare ad incentivi per i Comuni che raggiungono quote elevate di raccolta differenziata”.

    “Fondo a cui – sottolinea il gruppo capitano in consiglio comunale da Andrea Bencini – per il momento, il nostro Comune non ha avuto accesso nonostante sia da sempre uno dei più attivi nelle politiche di incentivazione della raccolta differenziata”.

    “Lo dimostrano – prosegue il Pd ripolese – la recente estensione su tutto il territorio comunale del servizio di raccolta “porta a porta” (che ha consentito di raggiungere nel 2021 una quota di raccolta differenziata vicina all’80%) nonché le premialità riconosciute in termini di sconto in tariffa per coloro che conferiscono al centro raccolta di Campigliano”.

    “Nonostante questi sforzi tuttavia – ammettono – il saldo della Tari 2021, che in questi giorni è arrivato ai cittadini di Bagno a Ripoli, ha registrato in alcuni casi un aumento della parte fissa, relativa ai costi di smaltimento dei rifiuti e che in Toscana rimangono alti non essendo ancora completato nella nostra regione il ciclo dei rifiuti”.

    “Aumenti che tuttavia – rimarcano – sono stati in gran parte compensati dalla decisione del nostro Comune di ridurre la parte variabile, spalmando gli aumenti previsti su un orizzonte temporale di 5 anni. È da dire inoltre che si sono registrati casi in cui, grazie al nuovo meccanismo di calcolo che al parametro della metratura degli immobili ha aggiunto quello degli occupanti, addirittura il saldo della Tari è risultato addirittura inferiore rispetto al 2020”.

    Il gruppo consiliare del Partito democratico pertanto, “conscio del grande sforzo che i cittadini
    stanno compiendo nella raccolta differenziata”, auspica che “la Regione Toscana possa presto
    dotarsi di impianti di smaltimento e di trattamento dei rifiuti che la rendano pienamente autonoma e consentano una cospicua riduzione dei costi di smaltimento”.

    “Nel contempo – aggiungono in conclusione – con la mozione che verrà discussa dal consiglio comunale, intende impegnare l’amministrazione comunale a farsi portavoce verso la Regione Toscana ed Ato Toscana Centro della richiesta di un incremento del fondo da destinare agli incentivi e di una rimodulazione della quota parte destinata allo sconto in tariffa per i Comuni virtuosi nella raccolta differenziata, nell’ottica di arrivare quanto prima alla tariffa puntuale”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...