spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sono quelle delle scuole di Rimaggio e di Padule. L’appello: “Servono vocabolari e libri per i bambini”

    BAGNO A RIPOLI – Tra i tanti e gravi danni causati dalla tempesta del 1 agosto, si è purtroppo registrata anche la perdita di molti libri delle biblioteche delle scuole di Rimaggio e di Padule. I locali destinati al deposito dei libri, infatti, sono stati allagati dalla gran quantità di pioggia caduta e sospinta dal vento fortissimo.

     

    Particolarmente colpiti i vocabolari, le cui pagine finissime si sono incollate, rovinandosi irreparabilmente, ma anche molti libri di lettura e di gioco per i bambini nella fascia d'età compresa tra i tre e i dieci anni sono andati perduti.

     

    "Ci vorranno tempo e risorse per ricostruire il “piccolo grande” patrimonio di libri danneggiati delle biblioteche delle scuole di Rimaggio e del Padule – hanno dichiarato il sindaco Francesco Casini e l'assessore alle politiche della scuola, cultura e biblioteca alla cultura Annalisa Massari – e, per questo, chiediamo l'aiuto e la collaborazione dei nostri concittadini: se avete vocabolari o libri adatti potete regalarli alle biblioteche scolastiche e quindi a tutti i bambini che a settembre ritorneranno sui banchi di scuola. Grazie fin da ora a coloro che risponderanno a questo appello”.

     

    Per donare i libri, in buono stato adatti alla fascia d'età 3/10 anni, è sufficiente consegnarli in biblioteca comunale, via di Belmonte 38, 055645879, dove saranno classificati per essere poi distribuiti nelle scuole colpite dal maltempo.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua