spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Gli accoppiamenti. Quest’anno anche la decisione di destinare parte del ricavato agli “Amici del Cipo”

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Il Torneo delle Contrade di Grassina parte oggi (terminerà il 30 giugno) con le gare di podismo e di Burraco, mentre nei giorni scorsi si sono svolti i sorteggi che hanno determinato gli accoppiamenti per le sfide dirette.

     

    Per quanto riguarda il torneo di calcio, il 18 giugno Barca-Centro e il 25 giugno Rana-Mestola; per la pallavolo il 20 giugno Mestola-Barca e Rana-Centro; per il tennis il 21 giugno Barca-Centro e Rana-Mestola; per il tiro alla fune il 26 giugno Rana-Barca e Centro-Mestola.

     

    Inoltre è stato deciso che quest'anno parte del ricavato andrà agli "Amici del Cipo" (clicca qui per leggere l'articolo che ne descrive le attività), un gruppo di grassinesi… davvero speciale.

     

    Via al Torneo quindi! Con la grande novità 2013, ovvero i Giochi della Lavandaia, una sorta di "Giochi senza frontiere". E per chi volesse seguire tutti i commenti, i risultati, le polemiche e gli sfottò dei grassinesi riguardo al Torneo delle Contrade di Grassina 2013 questo è l’hashtag ufficiale su Facebook: #contradedigrassina2013. Inseriscilo nei tuoi post!

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...