spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tramvia a Bagno a Ripoli: incontro fra il sindaco Nardella e il Soprintendente Pessina

    "Fiduciosi che le proposte presentate porteranno a una soluzione definitiva fortemente migliorativa"

    FIRENZE-BAGNO A RIPOLI – Si è tenuto ieri mattina, lunedì 25 febbraio, a Palazzo Vecchio l’incontro tra il sindaco Dario Nardella e il Soprintendente Andrea Pessina con i rispettivi staff tecnici e il team di progettazione del sistema tranviario fiorentino Progetto Tramvia Bagno a Ripoli.

     

    Nell’incontro i tecnici del Comune hanno presentato diverse soluzioni progettuali relative al tratto di viale Matteotti della linea 3.2 per Bagno a Ripoli.

     

    "Tutte le proposte – si legge in una nota diffusa dal Comune di Firenze – sono finalizzate, in modo diverso, a salvaguardare nella misura maggiore possibile il disegno urbanistico e il valore identitario dei viali ottocenteschi che rinviano all’opera di Giuseppe Poggi, l’architetto di Firenze Capitale".

     

    "Il confronto – si prosegue – è stato estremamente proficuo e ha permesso di esaminare approfonditamente tutti gli aspetti sia di tutela del patrimonio culturale e paesaggistico sia degli aspetti funzionali collegati alla migliore fruibilità possibile della mobilità, del trasporto pubblico e del sistema della sosta".

     

    “Siamo soddisfatti di questo primo incontro e fiduciosi che le proposte presentate porteranno a una soluzione definitiva fortemente migliorativa e rispettosa di tutte le esigenze in campo” commentano il sindaco e il Soprintendente.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua