spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ucraina, missione compiuta: bimbi e donne portati in salvo dalla Misericordia dell’Antella

    Dopo un lungo viaggio iniziato la notte tra il 12 e 13 marzo, con due volontari, su un pulmino a nove posti della Confraternita

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – Alcuni bambini e alcune donne in fuga dall’Ucraina martoriata dalla guerra in salvo grazie alle Misericordia dell’Anntella.

    Dopo un lungo viaggio iniziato la notte tra il 12 e 13 marzo, con due volontari, su un pulmino a nove posti della Confraternita, alle ore 22 circa di ieri, domenica 14, dopo oltre 20 ore ininterrotte di viaggio/guida, sono arrivati alla loro destinazione finale sulla costa toscana.

    Grazie ai loro “angeli custodi” che vestivano giallo ciano, Luciano e Cosimo.

    Il gruppo è salito a Dorohusk, un piccolo villaggio con circa 500 abitanti al confine tra la Polonia e l’Ucraina.

    Appena saliti sul pulmino nove posti della nostra Confraternita, soprattutto i bambini si sono addormentati subito, stremati.

    A Firenze, dove il gruppo è arrivato poco dopo le 19 di ieri, domenica 13 marzo, il cambio di equipaggio, per permettere a Luciano e Cosimo di andare a riposarsi.

    Qualche minuto per un veloce spuntino, il cambio di equipaggio, con l’entrata in campo dei volontari Paolo e Manuele, e poi, dopo altre tre ore circa di viaggio, l’arrivo alla destinazione finale, sulla costa toscana.

    Dove le persone portate in salvo potranno iniziare una nuova fase della loro vita, con la speranza che possano rientrare quanto prima in Ucraina.

    Ovvero con la speranza che questa assurda guerra possa terminare il prima possibile.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...