spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 3 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un nuovo alleato per i beni culturali: nasce a Bagno a Ripoli il Comitato per la Cappellina e l’arte

    Molti gli obiettivi tra cui promuovere la conoscenza del patrimonio artistico locale e il recupero di opere d'arte bisognose di intervento

    BAGNO A RIPOLI – Il Comitato nasce nel solco delle attività del “Comitato per il recupero della Cappellina di Baroncelli” costituito nel 2014 con lo scopo di restaurare la cappella situata in via di Baroncelli, conosciuta come Oratorio del Crocefisso a Baroncelli.

    Un obiettivo centrato nel giugno del 2018 quando la Cappella quattrocentesca riaprì le sue porte tornando a mostrare i suoi antichi e bellissimi affreschi attribuibili a Biagio D’Antonio Tucci, in seguito a un delicato e minuzioso restauro sia strutturale che pittorico, reso possibile grazie al gioco di squadra attivato dal Comitato tra istituzioni, parrocchia, professionisti e tutta la popolazione.

    Dopo anni di intenso lavoro e il raggiungimento del proprio obiettivo, l’originario Comitato ha cessato di esistere. Da oggi, la nuova formazione ne prende il testimone per dare seguito agli interventi finalizzati alla cura e alla promozione della Cappella di Baroncelli. Ma anche per tutelare, recuperare e valorizzare moltissime altre opere d’arte e i beni culturali del territorio, particolarmente pregevoli e numerosi, attraverso azioni di ricerca e di studio che contribuiscano alla loro conoscenza e alla loro fruizione.

    Tra i suoi obiettivi promuovere la conoscenza del patrimonio artistico locale, il recupero di opere d’arte bisognose di intervento, attività di crowdfunding e la creazione di una rete con i siti culturali più conosciuti

    Promuovere la conoscenza e la divulgazione del patrimonio artistico del territorio. Recuperare e restaurare luoghi e opere d’arte bisognose di intervento. Per tale scopo, attivare sinergie e percorsi virtuosi per reperire le energie e le risorse necessarie.

    Infine, fare rete tra il patrimonio “riscoperto” e i siti d’arte più conosciuti e già “consolidati” creando nuove “stazioni” culturali. Nasce con questi ambiziosi obiettivi il nuovo Comitato per la Cappellina e l’arte, che stamani in Biblioteca comunale a Bagno a Ripoli ha sottoscritto il nuovo atto costitutivo alla presenza delle istituzioni.

    “Il nuovo Comitato – spiega la neo-presidente Giuliana Righi – propone di segnalare lo stato di salute delle opere e dove necessario adoperarsi a tutti i livelli per promuovere il loro recupero e restauro. Si attiverà per organizzare occasioni di incontro, iniziative culturali e manifestazioni ricreative”

    “Il fine – prosegue – è di raccogliere adesioni, patrocini e collaborazioni, ma anche per raccogliere contributi economici, partecipando a bandi o realizzando iniziative benefiche di raccolta fondi. Tutto ciò in piena e completa sinergia con le associazioni, la popolazione, le istituzioni e gli enti pubblici del territorio, a partire dal Comune di Bagno a Ripoli e dalla Soprintendenza al patrimonio archeologico, alle belle arti e al paesaggio”.

    Le prime attenzioni del nuovo Comitato in tal senso – ci fanno sapere – saranno rivolte verso numerose opere di proprietà della parrocchia di Quarto, ma anche verso tabernacoli, affreschi e monumenti dislocati sul territorio.

    “Un grandissimo augurio di buon lavoro al nuovo Comitato e a tutti i suoi rappresentanti – dichiarano il sindaco Francesco Casini e l’assessora alla cultura Eleonora Francois -. Siamo sicuri che daranno un contributo importantissimo per la valorizzazione, la tutela e la divulgazione di molte opere d’arte del territorio, spesso poco conosciute, bisognose di restauro, ma di grandissimo pregio”.

    “Delle capacità del Comitato abbiamo già avuto prova – aggiungono – con il recupero della Cappella di Baroncelli, quando ha saputo attivare un grandissimo lavoro di squadra tra professionisti, artisti, cittadini e istituzioni, uniti per questo restauro di comunità. Le sfide che attendono il nuovo gruppo di lavoro sono molte e come amministrazione saremo al suo fianco con tutto il supporto possibile, nel nome del nostro patrimonio artistico e culturale”.

    Il Comitato avrà la durata massima di anni 7 e avrà sede in palazzo comunale. Possono aderire al Comitato sia i singoli cittadini residenti sul territorio comunale, sia le associazioni, le istituzioni, gli enti e le aziende aventi sede sul territorio comunale, o anche al di fuori, che si dimostrino interessate alla promozione culturale, in particolare alla salvaguardia e tutela dei beni artistici.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...