spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Barberino Tavarnelle ex professori, laureati e studenti a sostegno di chi ha difficoltà nello studio

    Tutti volontari al servizio del sapere. Il servizio "Il Faro" sostiene gratuitamente gli studenti che incontrano difficoltà lungo il loro percorso didattico

    BARBERINO TAVARNELLE – Aspirano ad accendere un piccolo grande… faro della conoscenza e del sapere nei più giovani.

    Una guida che orienta e sostiene gli studenti nell’individuazione del metodo di apprendimento e nella strada migliore, più adeguata alle potenzialità, alle attitudini e ai sogni di ognuno, da intraprendere nel percorso scolastico.

    Professori ed ex allievi si mettono a disposizione della collettività. Sono volontari, residenti a Barberino Tavarnelle, e insieme, animati da spirito di comunità e senso civico, tornano ad animare le biblioteche comunali di Barberino Val d’Elsa e Tavarnelle, per offrire un supporto concreto nello studio alle ragazze e ai ragazzi che attraversano momenti di difficoltà.

    L’iniziativa “Il Faro”, forte dell’esperienza dello scorso anno, alla sua seconda edizione, si ripropone con l’obiettivo di dare una mano, a titolo gratuito, agli studenti e alle studentesse delle scuole secondarie di primo grado e del biennio delle superiori che necessitano di recuperare o approfondire alcune materie scolastiche.

    Si tratta di un importante servizio di valore educativo e sociale che non si limita ad affiancare gli studenti con le classiche ripetizioni, ma vuole trasmettere loro gli strumenti per introdurre nel percorso scolastico l’acquisizione di uno specifico metodo di studio, congeniale ai tempi e alle attitudini degli studenti.

    Anche quest’anno si è messo all’opera un gruppo di giovani e adulti, docenti in pensione, matematici, biologi, futuri ingegneri e informatici, ma anche esperti di lingue straniere e di materie umanistiche.

    Fanno parte de “Il Faro” Lorenzo Corbinelli, Giacomo Seghi, Marco Martone, Giulia Bartalesi, Charlotte Ferré, Matteo Bazzani, Anna Casprini, Marco Rossi, Matteo Francini, Violante Conti, Nicolas Ferrè, Heather Mackay Roberts, Cristina Morandi, Cinzia Castelli, Francesca Guidelli, Cristina Cornaggia, Susanna Ninci e Valerio Pampaloni.

    Considerato il numero crescente di richieste, “Il Faro” è aperto a chiunque voglia unirsi all’equipe di volontari.

    “Voglio rivolgere un particolare ringraziamento alle volontarie e volontari – dichiara l’assessore alle plitiche educative Giampiero Galgani – che hanno deciso di rinnovare il loro impegno a favore dei giovani che chiedono di essere supportati nello svolgimento dei compiti, nel recupero o nell’approfondimento delle materie”.

    “E’ un esempio di comunità sensibile e solidale – conclude orgoglioso – di cittadinanza attiva che vuole rendersi utile agli altri, prendendosi cura nello specifico di chi tra i banchi di scuola ha incontrato qualche ostacolo”.

    Il servizio, promosso dall’asilo “Vincenzo Corti” e realizzato in collaborazione con il Comune di Barberino Tavarnelle, si svolge tutti i lunedì dalle ore 15.30 alle ore 18.30 presso la biblioteca comunale di Tavarnelle.

    E tutti i venerdì dalle ore 15.30 alle ore 18.30 presso la biblioteca comunale di Barberino Val d’Elsa.

    Per accedere è necessario fare prima un colloquio con un genitore (o con un adulto di riferimento): 3293434851, ilfaro.bartava@gmail.com.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...