spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Barberino Tavarnelle: Giacomo Trentanovi si dimette dalla giunta comunale per motivi professionali

    Dopo tre anni dalla nomina ad assessore e vicesindaco, rimette le sue deleghe al sindaco David Baroncelli: "L'unione dei due comuni un modello regionale di cui vado fiero"

    BARBERINO TAVARNELLE – Vi avevamo raccontato nelle scorse settimane delle altissime probabilità che il vicesindaco di Barberino Tavarnelle, Giacomo Trentanovi, si dimettesse dalla giunta comunale.

    Ed oggi ecco arrivare la conferm ufficiale. In seguito a un nuovo incarico professionale, sopraggiunto alcuni mesi fa, Trentanovi ha deciso di rassegnare le dimissioni dalla carica di assessore e dalla funzione di vicesindaco conferitegli dal sindaco David Baroncelli tre anni fa.

    Nella comunicazione trasmessa e resa nota al sindaco l’ex assessore spiega le motivazioni della sua scelta determinata dall’assunzione di un nuovo profilo lavorativo.

    “E’ stato un onore essere a servizio della prima legislatura del nuovo Comune di Barberino Tavarnelle – ha dichiarato – ho deciso di rimettere le mie deleghe nelle mani del sindaco a causa di un nuovo incarico che non mi consente di dedicare alle istituzioni democratiche, uno dei fondamenti più preziosi che abbiamo, la dedizione e l’impegno necessari a svolgere tale ruolo”.

    “Sono particolarmente orgoglioso – ha aggiunto – di aver promosso e sostenuto con tutto l’impegno possibile il processo di riunificazione che ha interessato i  comuni di Barberino Val d’Elsa e Tavarnelle, una svolta epocale nella storia del nostro territorio per la quale abbiamo lavorato intensamente prima, durante e dopo la nascita del nuovo comune”.

    “Questi tre anni – ha continuato – sono stati particolarmente complessi per varie ragioni, in cui l’emergenza sanitaria ha giocato un ruolo determinante, ma aver preso per mano il nuovo ente, averlo fatto camminare un pò per volta, a passi lenti poi sempre più decisi, come accade per i comuni neonati, è stata ed è una delle esperienze più rilevanti ed incisive del mio percorso politico”.

    “Abbiamo iniziato ad amministrare una nuova realtà e ancora tanta strada resta da fare – ha rimarcato Trentanovi – tuttavia il processo di riunificazione intrapreso già dalle nostre comunità, teso ad eliminare le logiche campanilistiche, oltre che i confini amministrativi, è diventato un modello regionale di cui vado fiero”.

    “Rivolgo un ringraziamento per la fiducia e il lungo percorso istituzionale – ha concluso – condiviso con il sindaco David Baroncelli, i colleghi della giunta, i consiglieri, ogni singolo dipendente comunale e l’intera comunità di Barberino Tavarnelle, rivolgendo a tutti loro i miei migliori auguri per il futuro e le nuove sfide che avremo davanti”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...