spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Barberino Tavarnelle: sabato 25 novembre tante iniziative per dire no alla violenza sulle donne

    Oltre cento donne in piazza Matteotti evocheranno le identità delle 106 vittime di femminicidio nel 2023. Alla Sambuca sarà inaugurata una nuova seduta rossa. Il programma

    BARBERINO TAVARNELLE – Nuovi segni di memoria che ricordano le donne che non ci sono più, le giovani e adulte assassinate dalla violenza maschile che hanno lasciato un posto vuoto nella società, si incardinano tra i borghi e le frazioni del comune di Barberino Tavarnelle. “Basta violenza sulle donne”.

    La comunità lo dirà ad alta voce alta nelle piazze avvalendosi di parole, musica, gesti e nuove sedute rosse, simboli del femminicidio, del colore del sangue versato dalle vittime di violenza per mano di uomini.

    In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne il Comune di Barberino Tavarnelle inaugurerà la quinta panchina rossa dedicata alle donne vittime di violenza in collaborazione con la Pro Loco di Sambucasabato 25 novembre alle ore 15.30 presso i giardini di via Gramsci nella frazione lungo la Pesa.

    Lo stesso giorno, a partire dalle ore 10, sarà presentato il nuovo mezzo dell’Auser Volontariato insieme Barberino Tavarnelle nei pressi della panchina rossa, situata in piazza della Repubblica a Tavarnelle.

    Uno dei momenti centrali della celebrazione della ricorrenza è il flash mob “Insieme per gridare no alla violenza sulle donne”, ideato e realizzato dal Circolo ricreativo Culturale La Rampa Tavarnelle, in collaborazione con Unicoop Firenze sezione soci Tavarnelle, Anpi Barberino Tavarnelle, Spi Cgil Chianti, Auser Volontariato insieme Barberino Tavarnelle.

    “Con oltre 100 cittadine, tante quante le vittime registrate solo in questo drammatico anno – dichiara il sindaco David Baroncelli – scenderemo in piazza per ricordare la scia della violenza, evocare l’identità delle donne che hanno perso la vita a causa di uomini incapaci di amare, di rispettare la loro vita e la loro libertà”.

     Il flash mob vede la partecipazione dell’attore Massimo Salvianti e alternerà letture e performances in piazza Matteotti alle ore 10.30. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

    “Si tratta di un momento di riflessione e condivisione – precisa Anna Canocchi, presidente del Circolo ricreativo La Rampa – le persone che abbiamo coinvolto rappresenteranno, sfilando su un tappeto rosso, le 106 donne che non ci sono più, ci saranno poi delle letture e le percussioni dei Pulsar a scandire il momento”.

    “Sono tuttavia convinta  – aggiunge – che se non cambiamo qualcosa nella nostra vita quotidiana, nel nostro agire iniziando ad educare al rispetto e all’affettività le nuove generazioni, tutte le manifestazioni che organizzeremo avranno un significato solo simbolico, se non riusciamo a far capire che il rifiuto è un tema da affrontare e da gestire”.

    “E che le persone che crediamo di amare – conclude Canbocchi — non sono di nostra priorità ma sono persone libere e che per questo non possono essere rimosse come fossero grumi di polvere, tutto il nostro impegno, tutte le panchine che inaugureremo saranno come nuvole portate via dal vento”.

    Le panchine rosse, già presenti nel comune di Barberino Tavarnelle, si trovano in piazza della Repubblica a Tavarnelle, presso i giardini pubblici della pineta di Barberino Val d’Elsa, in piazza del Pozzo Nuovo a San Donato in Poggio e presso i giardini pubblici di Vico d’Elsa.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...