spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 15 Giugno 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Consiglio comunale aperto sulla Deta? Noi ci siamo. Ma Progetto Futuro la butta in caciara”

    Durissima presa di posizione ufficiale del gruppo di maggioranza Centrosinistra Barberino Tavarnelle nei confronti dell'opposizione sulla questione-distilleria: la ricostruzione

    BARBERINO TAVARNELLE – “Il gruppo consiliare Centrosinistra Barberino Tavarnelle ha, in questi mesi, cercato di mantenere un comportamento serio ed istituzionale nella cosiddetta vicenda Deta, avendo come obiettivo la difesa della salute dei cittadini, il miglioramento della situazione ambientale di tutte le aree industriali del nostro comune e una stretta collaborazione con gli enti”.

    Inizia così la presa di posizione ufficiale del gruppo di maggioranza Centrosinistra Barberino Tavarnelle (composto da Pd, Sinistra Civica Ecologista, Socialisti) sul tema-Deta: che interviene “per chiarire alcuni aspetti “erroneamente” riportati da altri”.

    E lo fa, in particolare, nei riguardi dell’opposizione in consiglio comunale, ovvero Progetto Futuro.

    “Il nostro gruppo – dice compatto Centrosinistra Barberino Tavarnelle – ha da subito espresso parere favorevole alla richiesta di un consiglio comunale aperto e ha immediatamente coinvolto l’opposizione affinché ci fosse un percorso unitario che mostrasse quanto la comunità fosse unita davanti ad eventi così importanti, anche per rispondere alla richiesta della cittadinanza che auspicava un percorso condiviso”.

    # Progetto Futuro replica a Centrosinistra su vicenda Deta: “Imbarazzati e impauriti”

    “In conferenza – aggiungono – il capogruppo di Progetto Futuro Mauro Maioli aveva condiviso questa posizione, ed aveva fattivamente collaborato alla definizione delle modalità di svolgimento dello stesso consiglio comunale che avrebbe dovuto, anche in accordo con il Comitato di Tutela della Valdelsa, vedere anche la partecipazione della Regione, di Asl e di Arpat in quanto enti coinvolti direttamente nel rilascio delle autorizzazioni. La loro presenza è indispensabile per fornire alla cittadinanza un quadro il più esauriente possibile dell’intera vicenda”.

    “Il 26 aprile – ricostruisce Centrosinistra Barberino Tavarnelle – poche ore prima che i capigruppo si riunissero per stabilire la data del consiglio comunale aperto il Comune ha ricevuto la notifica di un ricorso al Tar, che, tuttavia, non cambia in alcun modo la nostra convinzione dell’importanza di convocare il consiglio stesso”.

    “Si stabilisce – prosegue la nota del gruppo di maggioranza – semplicemente e in modo congiunto, di verificare nuovamente, a seguito di questo gesto, la disponibilità di tutti i soggetti coinvolti, sempre per poter rispondere al meglio alle richieste della cittadinanza”.

    “Il nostro gruppo consiliare – sottolineano – ha quindi chiesto un incontro con il Comitato per poter ulteriormente confrontarsi, anche alla luce delle novità giudiziarie e garantire la nostra vicinanza alle comunità coinvolte, incontro che, purtroppo, dovrà essere rimandato”.

    “Lunedì 3 maggio – e qui l’attacco all’opposizione  infatti, tutto questo lungo e intenso percorso è stato messo in discussione dall’opposizione di Progetto Futuro che, andando contro la richiesta del Comitato stesso e con il solo scopo di andare contro l’amministrazione, ha deciso di politicizzare la vicenda per bassi interessi di parte”.

    “La richiesta formale di convocazione di un consiglio comunale aperto – accusano – firmata esclusivamente da membri della minoranza, sconfessa nei fatti il capogruppo Maioli, che in conferenza dei capigruppo chiede unità, e serve solo ad avere un trafiletto sulla stampa. Questa vicenda riguarda tutta la comunità e il tentativo di “buttarla in caciara” non avrà altro risultato che quello di esacerbare gli animi e limitare il dialogo”.

    “Questa – rilancia il Centrosinistra – è, del resto, l’unica opposizione che la nostra minoranza è in grado di fare, un’opposizione che non prova a costruire il futuro della nostra comunità limitandosi ad alimentare paure e tensioni. Sarebbe altresì utile capire come mai l’ex candidato sindaco di Obiettivo Comune ed attuale consigliere Paolo Tacconi non solo non abbia firmato la richiesta di concislgio comunale aperto, ma, di fatto, non abbia mai partecipato a nessuno dei numerosissimi passaggi istituzionali e con la cittadinanza durante tutta questa vicenda; forse le posizioni interne a Progetto Futuro sono molto meno nette di come vogliano far credere”.

    “Noi, al contrario, ci siamo – concludono dal Centrosinistra Barberino Tavarnelle – Ci siamo per l’intera nostra comunità e riteniamo che solo un lavoro serio e unitario possa portare ad un miglioramento dell’attuale situazione che è, oggettivamente, insostenibile. Siamo convinti che solo con il coinvolgimento di tutte le parti interessate si possano trovare le migliori soluzioni per l’ambiente, lo sviluppo sostenibile del territorio, la difesa del lavoro e della nostra cittadinanza, mantenendo salda la nostra fiducia nelle norme e nelle istituzioni”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...