spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Deta, il Comitato annuncia: ” Il 19 ottobre si discuterà il ricorso al Tar Toscana”

    Le riflessioni e l'auspicio: "Confidiamo nella giustizia e contiamo che i giudici ravvisino la drammaticità della situazione e le nostre preoccupazioni siano condivise"

    BARBERINO TAVARNELLE – “Il prossimo 19 ottobre saranno discussi i ricorsi presentati al Tribunale Amministrativo della Regione Toscana dal Comitato tutela e difesa della Vald’Elsa, da Italia Nostra Onlus, da imprenditori e cittadini della Val d’Elsa , contro la Distilleria Deta, il Comune di Barberino Tavarnelle, la Regione Toscana”.

    Lo annuncia in una nota stampa lo stesso Comitato: “Da oltre un anno e mezzo portiamo avanti il proposito di realizzare le nostre finalità statutarie, promuovendo iniziative ed azioni legali volte a salvaguardare gli interessi ambientali del territorio, il diritto alla salute, al lavoro, alla qualità di vita e non per futili motivi, come qualcuno vorrebbe fare intendere”.

    Il Comitato spiega di procedere “contro il rilascio della nuova Autorizzazione Unica Ambientale a cura della Regione Toscana che, pur avendo abbassato i limiti delle emissioni in atmosfera, con i fatti, ha triplicato la durata lavorativa portandola da 150 a 300gg/24h ( mediamente la vecchia proprietà lavorava però sui cento giorni l’anno)”.

    “Temiamo che la lunga esposizione giornaliera – dicono – abbia effetti negativi sulla salute, oltre che cavalcare un periodo di attività lavorativa turistica nel territorio. In più si raddoppiano le emissioni di fuoriuscita alla ciminiera, portando il valore da 35.000 Nmc/h a 75.000 Nmc/h. Congiuntamente al raddoppio di questi valori la nuova AUA permette potenzialmente a Deta di lavorare un quantitativo di vinacce di almeno 10 volte superiore rispetto a quello che lavorava la precedente gestione”.

    Si sono mossi “contro la costruzione della ciminiera di 60 con autorizzazione comunale. Dopo il primo anno di funzionamento è del tutto evidente che la nuova ciminiera non ha risolto la problematica per cui è stato pensata e autorizzata dal Comune: disperdere fumi e odori su un territorio più ampio (cfr. Arpat)”.

    “Oggi – denuniano – sappiamo che la sua altezza non è sufficiente per perforare la barriera dell’inversione termica: che di sicuro si trova ad un’altezza molto superiore ai 60 metri della ciminiera da cui, peraltro, i fumi escono con temperature di 70°C e pertanto privi della spinta verticale necessaria a forare la barriera dell’inversione termica. Il risultato è che oltre a subire insopportabili miasmi, che incidono pesantemente sulla qualità di vita, ciò impone alle persone di vivere con le finestre sbarrate anche in estate, per evitare l’odore insopportabile (oltre 120 segnalazioni di cittadini tra ottobre 2021 maggio 2022, a cui si aggiungono le oltre 40 segnalazioni dopo la riapertura dell’impianto a giugno)”.

    “Ricordiamo infatti – precisano – che la Regione ha disposto la chiusura dell’impianto per oltre un mese, visto che l’azienda non riusciva a lavorare nella norma. La riapertura è stata concessa solo dopo le prescrizioni di Arpat, ma i problemi odorigeni sono continuati”.

    “E’ bene ricordare – dicono ancora – che la zona della Zambra è satura di aziende impattanti, come si legge già nel piano strutturale e regolamento urbanistico del Comune di Barberino Val d’Elsa del 2008. Permettere la nuova costruzione di una ciminiera di 60 metri, in un contesto come quello descritto – ritenendola un mero intervento di manutenzione, per di più vincolato all’ipotesi (e non alla certezza) di risolvere un problema odorigeno – ci è sembrata una scelta discutibile”.

    “La distilleria da parte sua lamenta gli sforzi finanziari fatti per ammodernare gli impianti – rimarcano – Non ci sembra niente di straordinario, fa parte delle logiche aziendali se si vuole implementare il business. L’investimento risulta remunerativo, infatti è stata acquisita un’ottima un’azienda che, dai bilanci depositati alla Camera di Commercio negli anni 2015, 2016 e 2017 e da tutti visionabili, ha prodotto utili netti per 736.338, 808.793 e 1.479.612 euro per gli anni citati”.

    “Inoltre – rilanciano – la Deta osanna l’incremento occupazionale, a questo proposito si noti che nei dati della vecchia gestione della distilleria, nel bilancio 2017 c’è riportata una forza lavoro di 25 dipendenti. L’attuale forza lavoro della distilleria, come si rileva dai bilanci 2020 è stata mediamente di 35 persone con il 25% circa di personale stagionale o a temine e nel 2021 di 31 unità, non sembra un grande impiego di nuovo personale a fronte del disagio e peggioramento della qualità di vita”.

    “E non per ultimo – dicono ancora dal Comitato – si osservi che nel perimetro nel quale insiste la distilleria Deta, è ricompresa una fondamentale attività turistica volano economico per il territorio e qualsivoglia spinta turistica, dopo il lunghissimo fermo dovuto al Covid, rischia di bruciarsi. Una tale prospettiva non sarebbe certamente auspicabile per l’economia locale, con la possibile perdita di posti di lavoro. Leonardo Marras, assessore all’economia e al turismo della Regione Toscana ha affermato che la nostra regione si conferma massima attrattiva per visitatori italiani ed internazionali. A luglio la stampa ha diffuso stime che indicano “una crescita di arrivi e pernottamenti per l’estate 2022 che potrebbe far registrare 5,1 milioni di arrivi e 21,5 milioni di presenze”. E’ indubbio che il Chianti ha una grande attrattiva e molti di questi visitatori transiteranno nel nostro territorio, la Zambra purtroppo – non sempre odorosa – è la porta d’ingresso alla Val d’Elsa!”.

    “Insomma – concludoo – la qualità di vita è peggiorata, il settore turistico ha problemi, inoltre in questo periodo sul piazzale della Deta arrivano tutti i giorni TIR che portano vinacce provenienti da coltivazioni intensive di tutta Italia, intralciano il traffico, inquinano l’aria con la CO2. Non si possono sempre fare le scelte tenendo conto solo dei profitti e dell’interesse economico. Noi confidiamo nella giustizia e contiamo che i giudici ravvisino la drammaticità della situazione e le nostre preoccupazioni siano condivise”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...