spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Franco Guarducci e Gina Trambusti: a Tavarnelle si sono festeggiati i 70 anni di matrimonio di questo coppia speciale

    Serata indimenticabile al Caffè degli Amici. Per loro anche la sorpresa di un "concerto su misura" del Coro di santa Lucia al Borghetto, in cui hanno cantato per 25 anni

    BARBERINO TAVARNELLE – Quella di ieri, venerdì 26 aprile, è stata una serata speciale per Franco Guarducci e Gina Trambusti.

    Lui, occhi azzurri e sorridenti; lei “la bionda” (come la chiamano a Tavarnelle, o “la professoressa”), come sempre impeccabile.

    Al Caffè degli Amici infatti, circondati dall’affetto di parenti e… amici (per l’appunto), hanno festeggiato le loro Nozze di Titanio.

    Settant’anni sposati (più altri da fidanzati). Una vita. Forse quasi di più.

    Ce l’avevano raccontata, la loro vita, nel gennaio del 2021: eravamo ancora in piena epoca Covid, e con Il Gazzettino del Chianti avevamo deciso di raccontare le storie di chi stava insieme da tanto, tanto tempo.

    Per farci svelare anche qualche “segreto”… .

    E a Tavarnelle non ci fu neanche tanto da pensare su chi andare a “scomodare”. Franco e la Gina (l’articolo lo trovate qui sotto).

    Quattro anni da fidanzati e 67 da sposati: Franco e Gina Guarducci, un amore lungo una vita

     

    Tanto affetto ieri al Caffè degli Amici, in via Naldini. Una grande torta con, al centro, quel numero magico, 70.

    E una super sorpresa quando è arrivato il Coro di Santa Lucia al Borghetto, dove i due hanno cantato per 25 anni, a mettere in musica (e canto) la gioia del momento.

    A Franco e Gina vanno anche il grande abbraccio e gli auguri di cuore da parte della redazione del Gazzettino del Chianti.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...