spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Furti nelle aziende: i carabinieri di Barberino Tavarnelle sgominano una banda specializzata

    In un caso la stessa ditta era stata derubata tre volte in in mese. Circa 25mila il valore della refurtiva restituita ai legittimi proprietari

    BARBERINO TAVARNELLE – In una delle aziende derubate erano tornati addirittura per tre volte nell’arco di un mese.

    Da qui la comprensibile esasperazione dei titolari.

    E da qui si capisce ancora di più l’importanza dell’operazione messa a segno dai carabinieri della Stazione di Barberino Tavarnelle, guidati dal luogotenente Giuseppe Cantarero.

    I militari infatti, dopo una serie di accertamenti sul territorio, sono arrivati a chiudere il cerchio.

    Aiutandosi anche con le immagini di videosorveglianza connesse a furti, commessi tra gennaio e febbraio all’interno di aziende.

    E hanno dato esecuzione, su delega della Procura della Repubblica di Firenze, ad una serie di perquisizioni nel comune di Cerreto Guidi.

    Le attività hanno consentito di denunciare quattro cittadini rumeni, dai 22 ai 50 anni, trovati in possesso di refurtiva relativa ad almeno sei furti commessi a danno di aziende di Barberino Tavarnelle (cinque casi) e Cerreto Guidi (un caso).

    Si trattava di impianti stereo per autovetture, marmitte, sigarette, gadget vari, materiale per edilizia e agricoltura, computer, tablet e telefoni cellulari.

    Anche un borsone del 118 con dentro i presidi sanitari di primo soccorso (su questo sono in corso accertamenti per capire dove sia stato preso)

    Per un valore complessivo di circa 25mila euro: la refurtiva è stata restituita ai legittimi proprietari.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...