spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Incendio via Primo maggio, il Comune: “I residenti in zona tengano le finestre chiuse nella giornata di oggi”

    "Sono attualmente sul posto vigili del fuoco, polizia municipale, carabinieri e Arpat per monitorare l'evolversi della situazione"

    BARBERINO TAVARNELLE – L’amministrazione comunale di Barberino Tavarnelle fa il punto della situazione dopo l’incendio che all’alba di stamani ha interessato l’azienda La.Re.S.Ol SAS, in via Primo maggio a Tavarnelle.

    “Considerata l’entità dell’evento critico – spiegano dal palazzo comunale – che ha causato danni complessi all’edificio dove l’azienda si occupa di recupero di sostanze oleose da olio vergine di oliva per uso non alimentare da destinare alla raffineria, sono intervenuti i vigili del fuoco provenienti dalle sedi di San Casciano, Empoli, Poggibonsi e sede centrale”.

    “Sul posto – proseguono – sono sopraggiunti i tecnici di Arpat per le necessarie e opportune verifiche legati agli aspetti ambientali, oltre agli agenti della polizia municipale in collaborazione con l’ufficio ambiente del Comune e le forze dell’ordine”.

    “Grazie anche alle condizioni meteorologiche – viene precisato – vento e pioggia, che favoriscono dispersione dei fumi, non vi è accumulo delle sostanze emesse in atmosfera.

    Per il sindaco David Baroncelli “al momento non si ritiene necessario procedere con l’emissione di un’ordinanza contingibile e urgente, ciò che consigliamo ai residenti nelle abitazioni circostanti è tenere chiuse le finestre fino al completamento delle operazioni”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...