spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Pasqua 2024 con i pronti da cuocere della Macelleria Parti: meraviglie da mettere in tavola

    Golosissime le opzioni anche per chi non mangia agnello: dal gran pezzo di bovino di primissima scelta all'arista con prugne e mele, dalle cosce d'anatra all'arancia al pollo rosso farcito ai carciofi...

    SAN DONATO IN POGGIO (BARBERINO TAVARNELLE) – Tante gustosissime proposte alla Macelleria Parti, in via Senese a San Donato in Poggio (via Senese 33-35), per questa Pasqua 2024.

    “Abbiamo pensato anche a chi non ama mangiare l’agnello – dicono dallo staff guidato da Emiliano Parti – Ecco quindi le alternative che abbiamo pensato e realizzato”.

    • GRAN PEZZO di BOVINO di razza PIEMONTESE, primissima scelta
    • ARISTA di SUINO PRUGNE e MELE
    • POLLO ROSSO FARCITO con CARCIOFI
    • POLLO PASQUALE FARCITO con ASPARAGI
    • COSCE d’ANATRA all’ARANCIA

    “Questa settimana – dicono ancora – siamo aperti tutti i giorni nei consueti orari, e anche il mercoledì pomeriggio. Siamo chiusi solo nei giorni di Pasqua e Pasquetta!”.

    Pronti da cuocere elaborati sapientemente, fra prodotti di stagione (carciofi ed asparagi in primis ad esempio) e carne di qualità massima.

    Potete chiamare lo 0558072952 per tutte le info. E per prenotare.


    MACELLERIA PARTI

    Via Senese 33, 35 – San Donato in Poggio (Barberino Tavarnelle)

    Telefono: 0558072952

    Pagina Facebook: https://www.facebook.com/MacelleriaParti

    Sito web: http://www.macelleriaparti.it/

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...