spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vico d’Elsa centro dei movimenti e dei comitati su tutto il territorio: “Serve una voce comune”

    "Un coordinamento permetterà di vigilare in maniera più approfondita sul territorio e di attuare una maggiore pressione sulle amministrazioni locali"

    VICO D’ELSA (BARBERINO TAVARNELLE) – Nei giorni scorsi, a Vico d’Elsa, si sono riuniti ancora una volta gli attivisti dei comitati ambientalisti della Val d’Elsa. Obiettivo, la  Rete Comitati della Valdelsa (coordinatore sarà Arturo Giolitti).

    “Impegnati costantemente a tutelare l’ambiente e la società sul territorio – spiegano – siamoattivi in sei comuni differenti, con un’area geografica di 578 kmq e circa 86.000 abitanti”.

    I comitati presenti erano: il Comitato Elsa Viva di Colle Val d’Elsa che lotta contro la costruzione di una centrale idroelettrica nel parco fluviale dell’Elsa, il Comitato per la Tutela e la Difesa della Valdelsa di Vico d’Elsa che si oppone all’espansione della Distilleria Deta e la sua ciminiera di 60 metri.

    Il Comitato Staggia C’E’ attivatosi contro la costruzione di un’antenna ripetitore nel centro del paese, il Comitato Difensori della Toscana di Casole d’Elsa che si batte contro lo sviluppo sregolato della Geotermia in tutta la regione, l’Assemblea Permanente No Keu nata dopo la scoperta dei fanghi smaltiti dalle concerie e che chiede la tempestiva bonifica dei siti contaminati.

    Infine, l’Associazione Culturale Fiorile di S. Gimignano attiva contro il progetto dell’ex carcere e la costituenda Associazione Culturale Gli Amici di Piero di Vico d’Elsa che si occupa di sviluppo sostenibile e di cittadinanza attiva.

    “Queste realtà – spiegano in una nota – hanno ritenuto utile avviare un confronto basato sull’esigenza di trovare una voce comune, per porsi uniti nel dialogo con le istituzioni”.

    “La nascita di una nuova rete di comitati e associazioni – sostengono – che mettono in condivisione un gran numero di esperienze ed informazioni ambientali maturate negli anni, permetterà di vigilare in maniera più approfondita sul territorio e di attuare una maggiore pressione sulle amministrazioni locali che non hanno ancora individuato soluzioni alle problematiche ambientali che stanno condizionando la Val d’Elsa”.

    “Dall’incontro – concludono – è emersa la convinzione che la preziosa azione svolta dai comitati in ambito di tutela ambientale è a beneficio non solo delle singole specifiche realtà locali, ma esercita un impatto positivo su tutta la Val d’Elsa e di conseguenza sul tutta la regione Toscana nel suo insieme”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...