spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castelnuovo Berardenga: pubblicata la manifestazione di interesse per la Comunità energetica (CER)

    La richiesta, debitamente compilata, sottoscritta digitalmente o in originale con allegato documento di identità del sottoscrittore, dovrà pervenire al Comune entro le 13 del 22 aprile

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Il Comune di Castelnuovo Berardenga ha pubblicato la manifestazione di interesse per raccogliere le adesioni alla futura comunità energetica rinnovabile invitando tutti i soggetti pubblici e privati del territorio a partecipare.

    La comunità energetica rinnovabile è un’associazione tra produttori e consumatori di energia, finalizzata a soddisfare il fabbisogno energetico del territorio attraverso la produzione propria di energia da fonti rinnovabili.

    È un soggetto giuridico privato che si basa sull’adesione aperta e volontaria di persone fisiche, piccole e medie imprese (PMI), enti territoriali o autorità locali, comprese le amministrazioni comunali.

    L’obiettivo principale è quello di fornire benefici ambientali, economici e sociali a livello di comunità e per i singoli soggetti che ne fanno parte.

    “L’amministrazione comunale di Castelnuovo Berardenga crede fortemente in questo percorso – afferma Alessandro Maggi, assessore all’ambiente di Castelnuovo Berardenga – nella consapevolezza delle implicazioni ambientali e sociali e delle opportunità economiche che la CER può garantire alla comunità stessa e ai suoi membri consentendo di essere parte di questo progetto anche a tutti coloro che per vari motivi (vincoli paesaggistici e dimensioni delle abitazioni) non hanno la possibilità di installare nelle proprie case impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili. Questi cittadini possono aderire alla CER come consumatori ottenendo dei benefici”.

    Possono entrare a far parte della Comunità energetica soggetti pubblici e privati, sia come produttori di energia da fonti rinnovabili (la potenza complessiva di ogni impianto non può superare 1MW); sia come consumatori (senza disporre, cioè, di un proprio impianto di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili) titolari di un punto di prelievo POD ubicato nel Comune di Castelnuovo Berardenga e/o nel perimetro di una delle cabine primarie afferenti lo stesso territorio (Il POD è il codice riportato in bolletta, che viene assegnato al momento dell’allacciamento alla rete elettrica con l’installazione del contatore e indica un punto di prelievo dell’energia elettrica); sia come prosumer (cioè produttori-consumatori).

    La manifestazione di interesse debitamente compilata, sottoscritta digitalmente o in originale con allegato documento di identità del sottoscrittore, dovrà pervenire al protocollo del Comune di Castelnuovo Berardenga entro le ore 13 del 22 aprile 2024, con invio digitale a mezzo PEC all’indirizzo castelnuovo-berardenga@postacert.toscana.it; o per mail scrivendo a protocollo@comune.castelnuovo.si.it; oppure tramite consegna a mano all’ufficio protocollo in piazza Matteotti 11, Castelnuovo Berardenga. Nell’oggetto deve essere riportato: “MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA COSTITUZIONE DI COMUNITÀ ENERGETICHE RINNOVABILI”

    L’avviso ha scopo puramente esplorativo, non comportando obblighi e vincoli di alcun genere.

    Tutta la documentazione è consultabile a questo link.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...