spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 26 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castelnuovo conferma il sostegno al tessuto commerciale colpito dalla crisi: spazi pubblici gratuiti

    Prevista anche la messa a disposizione di manufatti e arredi urbani per agevolare la ripresa di bar, ristoranti, pizzerie ed esercizi commerciali in genere

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Il Comune di Castelnuovo Berardenga conferma il sostegno alle attività economiche ed esercizi commerciali del territorio colpiti dall’emergenza Covid-19 e la ripartenza nel rispetto delle norme nazionali e regionali.

    L’amministrazione comunale ha predisposto, infatti, un pacchetto di misure integrative rispetto a quelle economiche già messe in campo che prevede la concessione gratuita, fino al 31 ottobre 2021, di spazi pubblici maggiori rispetto a quelli ordinariamente concedibili e la messa a disposizione di manufatti e arredi urbani per agevolare la ripresa non solo degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, quali bar, ristoranti e pizzerie, ma anche di attività economiche e commerciali in genere.

    A questo si aggiunge la previsione della sospensione della Cosap fino al 31 ottobre, nel rispetto delle disposizioni ministeriali.

    Le domande per richiedere l’occupazione ex novo e/o in ampliamento di suolo pubblico possono essere presentate a partire da domani, giovedì 6 maggio, utilizzando il modulo disponibile sul sito del Comune di Castelnuovo Berardenga, www.comune.castelnuovo.si.it.

    “Con questa misura a favore del tessuto commerciale locale – afferma Fabrizio Nepi, sindaco di Castelnuovo Berardenga – abbiamo voluto rinnovare e rafforzare la presenza dell’amministrazione comunale di fronte alle pesanti conseguenze provocate dall’emergenza Covid-19 in numerosi settori sociali ed economici”.

    “La situazione generale è ancora difficile – riprende – e tutti auspichiamo di vedere al più presto la luce in fondo a questo tunnel dopo mesi duri e difficili”.

    “Nel frattempo – conclude Nepi – siamo pronti a sostenere la ripresa delle varie attività supportando gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e tutte le altre attività economiche e commerciali del nostro territorio, che potranno contare, come avvenne lo scorso anno, su spazi pubblici gratuiti e agevolazioni tariffarie”.

    L’atto adottato prevede la concessione ex novo e/o in ampliamento rispetto alle richieste presentate nel 2020 di aree pubbliche disponibili prospicienti o in prossimità dei locali interessati, compresi spazi verdi e parcheggi, rispettando la distanza media tra gli esercizi eventualmente prospicienti e organizzando la disposizione di tavoli, sedie, dehors e ombrelloni tenendo conto del decoro urbano, delle caratteristiche dei luoghi, delle esigenze di sicurezza veicolare e pedonale e della possibilità di transito dei mezzi di soccorso o di emergenza.

    Su richiesta degli esercizi pubblici, inoltre, il Comune può mettere a disposizione manufatti o arredi urbani per le attività di ristorazione che effettuano asporto, con gestione da parte loro delle misure di prevenzione igienico-sanitaria e utilizzo delle strutture esclusivamente nelle fasce orarie di apertura delle attività stesse.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua