spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Giornata di approfondimento sui temi dello sviluppo sostenibile sabato 12 gennaio

    A San Qurico in Collina (frazione di Montespertoli), sabato 12 gennaio a partire dalle 9, presso l’ex Scuola elementare, associazioni, produttori e cittadini (locali e non), si confronteranno sul tema: "Montespertoli un modello di transizione: idee e proposte per un futuro sostenibile" con l'intervento di Cristiano Bottone, esponente del Movimento Transition Town Italia. (per saperne di più clicca qui).

     

    "La mattina – spiegano gli organizzatori – sarà dedicata ai temi della transizione, ossia un movimento culturale impegnato nel traghettare la nostra società industrializzata, dall’attuale modello economico, profondamente basato su una vasta disponibilità di petrolio a basso costo, e sulla logica di consumo delle risorse, a un nuovo modello sostenibile non dipendente dal petrolio e caratterizzato da un alto livello di resilienza".

     

    "La resilienza – spiegano – è la capacità di un certo sistema, di una certa specie e di una certa organizzazione, di adattarsi ai cambiamenti, anche traumatici, che provengono dall’esterno senza degenerare. Il pranzo sarà un momento piacevole poiché si condivideranno piatti e bevande preparate da tutti coloro che avranno preso parte all’incontro".

     

    "Il pomeriggio – concludono – sarà dedicato all'approfondimento delle tematiche affrontate nella mattinata. Ognuno, guidato da tecniche di comunicazione di gruppo, contribuirà a scrivere proposte e suggerimenti per un progetto di transizione. Per chi conosce poco o nulla della transizione, si tratta di una buona occasione per farsi un’idea piuttosto completa, e capire il senso di questo grande esperimento di innovazione sociale".

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...