spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Primo appuntamento il 31 gennaio (alle 21) alla casa del popolo di Impruneta

    E' indetta, per giovedì 31 gennaio alle 21 presso la casa del popolo di Impruneta in via della Croce, la prima riunione del comitato elettorale del Chianti (che comprende i comuni di Greve in Chianti, Impruneta, San Casciano, Tavarnelle, Barberino Val d'Elsa),  sostegno della "Lisa Rivoluzione Civile – Ingroia" (in foto Antonio Ingroia con il simbolo della lista).

     

    Questo l'ordine del giorno: costituzione comitato del Chianti Fiorentino; organizzazione della diffusione di manifesti e volantini; richiesta occupazione suolo pubblico per banchetti; programmazione di un evento di rilievo da tenersi possibilmente ad Impruneta; varie ed eventuali.

     

    Saranno presenti alla riunione i candidati alla Camera dei deputati per la lista Rivoluzione Civile della regione Toscana: Andrea Malpezzi  e Lido Contemori. Tutti coloro che sono interessati alle attività e vogliono partecipare attivamente con le loro proposte o mettersi in contatto con il comitato per ricevere informazioni possono farlo all'indirizzo e-mail rivoluzionecivilechianti@gmail.com o, su www.rivoluzioneciviletoscana.altervista.org.
     

    "Hanno aderito alla  “Lista Ingroia” – dicono gli organizzatori – i seguenti soggetti politici: Rifondazione Comunista, Italia dei Valori, Comunisti Italiani, Verdi e alcuni movimenti e comitati della “Società Civile”, movimento arancione, No Tav e altri. Sono inoltre invitati a  partecipare cittadini, associazioni, movimenti, del territorio  del Chianti Fiorentino, ad aderire per un impegno civile e democratico al costituendo comitato".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...