spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Interviste “Parlamentarie”: “Serve rinnovare politica e istituzioni”

    Giacomo Billi, assessore uscente in Provincia di Firenze (sviluppo, programmazione, turismo), è personaggio molto conosciuto nel Chianti, spesso visitato nell'ambito delle sue deleghe. Anche a lui, candidato alle "Parlamentarie" del Partito democratico di domenica 30 dicembre, il Gazzettino ha rivolto le tre domande.

     

    Perché dare la preferenza proprio a lei?

    "Anche per la brevità della campagna elettorale credo di poter chiedere il voto in nome di quello che ho fatto e per cui mi conoscono: prima come segretario cittadino del Partito democratico, poi come assessore provinciale. Penso di aver dimostrato di poter fare cose buone".

     

    Quanto conta e come manterrà il rapporto con il territorio?

    "E' fondamentale e lo si mantiene con l'assoluta reperibilità e disponibilità. Sono importanti gli strumenti tecnologici, ma non potranno mai sostituire il faccia a faccia, l'incontro e lo scambio di idee. Molto semplicemente, se andrò a Roma replicherò su scala nazionale quel che ho fatto per tenere tutti i contatti con le realtà provinciali nei miei anni da assessore. Chi mi conosce sa che quello del rapporto diretto è un tema che sento molto vicino".

     

    Le tre priorità che si darebbe una volta a Roma…

    "Un radicale rinnovamento della politica e dei partiti, ma anche del mondo delle istituzioni; dimostrare che il binomio turismo/cultura è una base solida su cui costruire una buona parte del nostro futuro economico; ridare centralità a lavoro e occupazione partendo però dalla ricerca e dall'innovazione, le vere leve per lo sviluppo".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...