spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Voluto da due chiantigiani doc (Matia Barciulli e Giorgio Mori) Si presenta il 14 gennaio

    Verrà presentato al pubblico lunedì 14 gennaio alle 12, nel Palazzo della Loggia del Grano a Firenze: stiamo parlando del premio "Il Magnifico" (in foto il logo) riservato agli oli di oliva toscani di eccellenza.
     

    Sostenuto dall’assessorato regionale all’agricoltura (lunedì sarà presente l'assessore Gianni Salvadori), il premio è stato fortemente voluto e ideato da due chiantigiani doc: lo chef sancascianese Matia Barciulli (che fra l'altro sta seguendo anche l'organizzazione degli spazi-ristorazione nelle nuove cantine Antinori al Bargino) e da Giorgio Mori, tavarnellino, firma storica dei macchinari per la frangitura delle olive.

     

    Un premio che nasce per ricordare due personaggi del calibro di Massimo Pasquini e del sancascianese Marco Mugelli, che hanno dato un contributo fondamentale alla rinascita dell’olio toscano e lo hanno reso un punto di riferimento per tutta la produzione mondiale.
     

    Il premio si avvarrà della collaborazione della Divisione Laboratorio Chimico Merceologico di Metropoli, l’Azienda Speciale della Camera di Commercio di Firenze, che analizzerà gli oli selezionati dal panel di assaggio.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...