spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Rotary Club San Casciano Chianti: Caterina Pulselli è la nuova presidente

    Ha ricevuto il collare da Daniele Pratesi nel corso dell'evento che si è svolto presso il Golf Club dell'Ugolino, a Impruneta

    CHIANTI FIORENTINO – Spirito rotariano senza secondi fini. E una puntuale attività di supporto ad associazioni, istituzioni e realtà caritatevoli dei comuni del Chianti fiorentino.

    E’ questo il ruolo che contraddistingue il Rotary Club San Casciano Chianti, che presso il Golf Club di Impruneta, ha celebrato il rito del passaggio della campana e accolto la sua nuova presidente Caterina Pulselli.

    “Sono una libera professionista titolare di uno studio commerciale a Tavarnuzze – si racconta – Sono entrata nel Rotary San Casciano Chianti nel 2014, e nei nove anni trascorsi mi sono appassionata alla filosofia del club”.

    “Mi sono impegnata fattivamente – prosegue – per portare avanti gli obiettivi rotariani rivestendo nel tempo svariate cariche fra le quali il segretario, il prefetto e ho assunto la presidenza di svariate commissioni”.

    “Questo percorso – aggiunge la neo presidente – mi ha permesso di acquisire l’esperienza e la conoscenza necessaria per svolgere spero al meglio il mio incarico da presidente nell’annata 2023/2024”.

    “La nostra missione come club è fare service – indica la strada – Nel corso della mia annata cercherò di coinvolgere il più possibile tutti i soci, promuoveremo tante iniziative di sostegno ad i molti enti e associazione che chiedono il nostro sostegno”.

    La nuova presidente ha ricevuto il collare da Daniele Pratesi nel corso di una serata partecipata da molti soci e alcune autorità del territorio.

    Tra queste Paolo Sottani (sindaco di Greve in Chianti), Roberto Ciappi (sindaco di San Casciano), Riccardo Lazzerini (sindaco di Impruneta), e il consigliere regionale Massimiliano Pescini.

    Le autorità rotariane presenti erano Giovanni Brayon (presidente Rotary Foundation), Stefania Giusti (assistente del Governatore, Arrigo Brandini R.C. Fiesole) e Vincenzo Sorelli (past president Val Di Sieve).

    In primo piano i numeri che hanno contraddistinto l’annata del 2022-2023 che con la guida del past president Pratesi, hanno raggiunto poco meno di 30.000 euro di service sul territorio.

    “Per me è stata una esperienza davvero emozionante – dichiara Daniele Pratesi – Abbiamo raggiunto importanti traguardi, tra questi vorrei ricordare la piantumazione dei nuovi alberi per il Parco Policrosalus a San Casciano, il sostegno al restauro del Buongoverno di Ambrogio Lorenzetti, l’appoggio al progetto Villaggio della Speranza Onlus e non ultimo il sostegno al Premio Letterario del Chianti”.

    Il tutto, ha rimarcato, “per un totale di service di quasi 27.000 euro, ai quali dobbiamo aggiungerci oltre 3.000 euro di raccolte attraverso lotterie di beneficenza organizzate nel corso dell’anno appena trascorso”.

    Nel corso della serata sono stati consegnati anche i primi Paul Harris Fellow, massima onorificenza rotariana: Massimo Biondi e Luciano Di Vivona, che nell’annata appena trascorsa “si sono particolarmente distinti per l’impegno, contribuendo quindi al raggiungimento degli obiettivi del club”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...