spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il 52% dei votanti ha detto sono gli enti che non hanno fatto i lavori necessari

    CHIANTI FIORENTINO – Il 52% fra coloro che hanno votato il nostro sondaggio (clicca qui per vedere i risultati) nel quale chiedevamo di chi fossero le responsabilità della terribile alluvione che il 21 ottobre scorso ha devastato intere zone del nostro territorio non ha avuto dubbi: le colpe sono degli enti che non hanno fatto i lavori necessari.

     

    Una maggioranza assoluta che quindi ritiene che chi a vario livello è chiamato ad occuparsi del territorio e dei rischi idrogeologici, lo abbia fatto in maniera sbagliata (o non l'ha fatto proprio…).

     

    Poi c'è un 28% che comunque è consapevole che anche i privati ci hanno messo del loro. E che quindi le responsabilità siano da attribuire anche a coloro che non mantengono in maniera adeguata le rispettive proprietà.

     

    La mancanza di fondi per le opere, tema sempre molto caro alle varie componenti politiche (Patto di Stabilità, blocco dei trasferimenti statali e… affini) non scalda per niente il cuore dei nostri lettori: solo il 9% infatti addebita i problemi "alluvionali" alla carenza di soldi.

     

    Pochi di più (il 12%) quelli che invece attribuiscono al nuovo "regime climatico", fatto di rovesci torrenziali a carattere quasi tropicale come quelli che sempre più spesso interessano il nostro Paese, la responsabilità di quanto accaduto.

     

    Insomma, se come nei gialli un colpevole andava trovato… i lettori del Gazzettino del Chianti hanno pochi dubbi.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...