spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Coldiretti Siena e Terranostra scrivono ai sindaci per la Tari agli agriturismi

    "L'attività di un agriturismo non può essere assimilata a quella alberghiera"

    CHIANTI SENESE – "L’attività di un agriturismo non può essere assimilata a quella alberghiera, quindi anche la tariffa applicata con la Tari non può essere la stessa".

     

    Coldiretti Siena e l’associazione agrituristica Terranostra – Agriturismi di Campagna Amica – hanno così deciso di scrivere una lettera congiunta ai sindaci delle amministrazioni comunali della provincia di Siena "che non hanno preso in considerazione questa differenziazione per il calcolo della Tari ma che hanno invece applicato la stessa aliquota per alberghi ed agriturismi, con l’obiettivo di chiedere un’applicazione ragionevole della tariffa alle attività di agriturismo".

     

    La richiesta parte da una recente sentenza del Consiglio di Stato, la n. 1162 del 19 febbraio 2019, la quale ha constatato che l’attività agrituristica non può essere assimilata a quella alberghiera.

     

    Nel caso specifico i giudici hanno evidenziato che l’assimilazione tra albergo e agriturismo implica una presunzione di equivalenza soggettiva che non trova riscontro nell’ordinamento giuridico, in quanto quest’ultimo differenzia le due tipologie di struttura sia dal punto di vista dello statuto imprenditoriale, delle finalità dell’attività e da quello della normativa in vigore sul turismo.

     

    "Le differenze tra l’accoglienza in agriturismo e quella alberghiera sono molte – dicono le associazioni – innanzitutto gli agriturismi svolgono principalmente attività quali: alloggio, campeggio, ristorazione, fattorie didattiche e sociali, non paragonabili quindi ad altre categorie di accoglienza, come gli alberghi ad esempio".

     

    "Inoltre – proseguono – gli agriturismi sono soggetti a limiti ricettivi e condizioni di esercizio, come il recupero esclusivo di locali già esistenti e non più impegnati per l’attività agricola, caratteristiche non riscontrabili nelle altre categorie di ricezione turistica".

     

    "Oltre a questo – rimarcano – ci sono poi i limiti imposti in riferimento al numero dei giorni di apertura, il numero dei pasti e le presenze complessive annue. Infine, la natura particolare della struttura agrituristica la porta ad avere una vocazione all’utilizzo quasi esclusivo del prodotto proprio, o comunque locale, e questo comporta una una forte riduzione nella produzione dei rifiuti, considerato il fatto che gli imballaggi sono spesso riutilizzabili o addirittura, in dei casi, persino assenti".

     

    "Le lettere sono state inviate – concludono – e a questo punto ci aspettiamo una risposta dai sindaci che sia in linea con le nostre richieste legittime".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...