spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I Vignaioli di Gaiole in Chianti alla Chianti Classico Collection

    GAIOLE IN CHIANTI – Decenni di scavi e di studio, condotti nel sito archeologico etrusco di Cetamura, dalla professoressa Nancy de Grummond, insieme agli studenti dell’Università della Florida, hanno portato a rinvenire decine di reperti, che permettono di mettere in luce la vita di quel periodo in questi luoghi.

    Unitamente al rinvenimento di quantità di vinaccioli, che dimostrano come la vite fosse coltivata fin dai tempi più remoti, nel luogo fisico nel quale si ha un’idea della nascita del nome Chianti.

    Vite che ben si adatta in queste dorsali di pietre e terreni aridi, pur avendo, il comune di Gaiole, delle diverse tipologie di clima, terreno, altitudine, che creano vini completamente diversi fra loro.

    Qui il luogo fisico nel quale gli studi e le vinificazioni di Bettino
    Ricasoli, alla ricerca del “vino sublime”, permettono di mettere a punto la formula di quel vino rubino, beverino e composito di uve, che ne ha decretato la sua popolarità e fortuna.

    E ai grandi nomi dell’enologia che si sono aggiunti negli ultimi anni, e ai grandi nomi che si sono fatti negli anni di lavoro, riempiendo
    bottiglie da sogno, si sono aggiunti giovani intraprendenti che non temono lo scotto del ciclo delle stagioni, avendo per amata e fedele compagna di giornata, una forbice da potatura, ben affilata.

    (Andrea Pagliantini)

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...