spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Il successo del Dit’Unto a Villa a Sesta? Tutto nella sua gente semplice”

    VILLA A SESTA (CASTELNUOVO BERARDENGA) – Riceviamo e pubblichiamo da parte di Andrea Pagliantini (foto comprese).

    “Il sindaco di Castelnuovo Berardenga Fabrizio Nepi, inaugura insieme al “sindaco di Villa a Sesta” Paola Valenti, il sesto villaggio culinario che si appella Dit’Unto.

    Tante le manifestazioni gastronomiche, forse troppe, che spaziano dalla sagra popolare all’ideologia dei cuochi (chef) da cui pare che dipendano i destini del mondo.

    Villa a Sesta e il Dit’Unto invece sono qualcosa di molto particolare e piacevole, perché non c’è presunzione, perché tutto nasce e cresce semplice e spontaneo.

    Si ha la possibilità di assaggiare delle delizie senza svenarsi in un posto circondato dall’oro delle foglie di Sangiovese in una giornata ebbra di sole e dal morbido accento calabrese alla chitarra con le canzoni di mille papaveri rossi.

    Ci sono la cortesia, la professionalità, il sorriso e la gioia di chi si adopera nel lavoro sotto i gazebo e nel tessere l’invisibile ma faticosa trama fra un’edizione e l’altra che sta dietro all’ organizzazione e al lavoro pratico.

    Ci sono persone che si parlano, si stimano, scherzano e forse è proprio questo il successo di questa bella giornata”.

    (Andrea Pagliantini)

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...