spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 25 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A ottobre 5 giorni di “pellegrinaggio” nel Chianti Classico. Fra cammino, vino, cibo: con Leonardo Romanelli

    Partenza da San Casciano il 5, arrivo a Greve in Chianti il 9 ottobre. In mezzo, si attraversa tutto il mondo del Gallo Nero: Romanelli ci racconta perché e come

    CHIANTI – Cinque giorni, preceduti da una cena “augurale”: di cammino lungo le strade del Chianti Classico. Di degustazioni dei migliori vini. Di scoperta di cibi, storie e profumi.

    Un vero e proprio “pellegrinaggio”, dal 5 al 9 ottobre, fra Chianti fiorentino e senese.

    Alla scoperta, in un modo molto conviviale e partecipato, delle UGA, le Unità Geografiche Aggiuntive.

    Ovvero quelle nuove componenti approvato dai soci del Consorzio Vino Chianti Classico che caratterizzeranno ancor più, dal punto di vista territoriale, locale, i vini del Gallo Nero.

    In una “comitiva” che sarà guidata da Leonardo Romanelli. Vero e proprio ideatore di questa “transumanza ottobrina” fra le splendide colline chiantigiane.

    Romanelli, un “pellegrinaggio” fra vino, cibo e territorio è in arrivo nel Chianti Classico: quando, dove e come?

    “Ad ottobre partiamo! La sera del 4 ottobre faremo la cena della vigilia con i produttori di San Casciano. Poi la partenza vera e propria il 5 ottobre. A pranzo ci fermiamo dai produttori di San Donato in Poggio la sera siamo a Castellina in Chianti. Il 6 arriviamo a pranzo a Vagliagli e la sera siamo a Castelnuovo Berardenga. Il 7 Castelnuovo, Gaiole e poi la sera a Radda in Chianti. Sabato 8, Radda e Panzano in Chianti, e la sera Lamole. Infine domenica 9 ottobre Lamole-Montefioralle e Montefioralle-Greve”.

    Come nasce questa idea?

    “L’idea nasce dal fatto che nel 2011 ho organizzato il Pellegrinaggio Artusiano, da Forlimpopoli a Firenze, per i 100 anni della morte di Pellegrino Artusi. E nel 2015 il Firenze-Milano in occasione dell’Expo. L’idea è quella di conoscere un territorio camminando: ma non solo per motivi sportivi o salutistici, ma per godere appieno delle specialità locali. Si mangia e si beve sentendosi meno in colpa insomma…”.

    Le UGA, approvate recentemente dal Consorzio Vino Chianti Classico, nel territorio del Gallo Nero erano già una sorta di realtà con le varie associazioni territoriali dei produttori. Pensa che rappresentino un tassello fondamentale per il futuro?

    “Credo sia un passaggio ulteriore per far conoscere un territorio nelle sue diverse accezioni. Il Chiant Classico è uno, ma le realtà che lo compongono sono composite: e questo permette di incuriosire il consumatore”.

    Vino e territorio, un binomio di cui si parla da tempo, spesso anche in modo molto “agiografico”. Lei come vede questa accoppiata per quanto riguarda il Chianti Classico, sono due termini che si parlano fra di loro?

    “Si parlano eccome, sono due elementi che vanno a braccetto, tanto che si parla sempre meno di uve che lo compongono, quasi che il territorio facesse da garante. Va da sé che il Sangiovese rimanga il protagonista, ma è già implicito nel vedere una bottiglia di Chianti Classico”.

    A “pellegrinaggio” finito cosa vorrebbe che rimanesse di questa esperienza?

    “Mi piacerebbe si riscoprisse il piacere della calma e della riflessione. Camminare impone tempi lunghi, che danno modo di assaporare al meglio le ore passate in un luogo. Vorrei che le persone scoprissero il Chianti Classico in un… andare tranquillo”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...