giovedì 2 Luglio 2020
Altre aree

    Gallo Nero fra presente e futuro: parla il direttore del Consorzio Chianti Classico Carlotta Gori

    Molti gli interrogativi che l'emergenza da Coronavirus ha posto (e sta ponendo) ad aziende, produttori. Molti di questi interrogativi li abbiamo girati a chi li rappresenta

    CHIANTI – Quale il futuro del mondo del vino in un territorio, quello del Chianti Classico, in cui il vino rappresenta un’eccellenza (ue un indicatore fondamentale di Pil e occupazione) da questo punto di vista.

    Molti gli interrogativi che l’emergenza da Coronavirus ha posto (e sta ponendo) ad aziende, produttori. Molti di questi interrogativi li abbiamo girati a chi li rappresenta.

    Ovvero al Consorzio Vino Chianti Classico, nella persona del direttore generale Carlotta Gori: che in una chiacchierata con il direttore del Gazzettino del Chianti, Matteo Pucci, ha affrontato molti dei temi sul tavolo, nella video intervista trasmessa in diretta sulla pagina Facebook del giornale oggi, martedì 12 maggio.

    Un’intervista che potete vedere in alto, in formato integrale, e che fa parte dei “live” che in questo periodo Il Gazzettino del Chianti ha organizzato (e sta organizzando) per parlare con sindaci, personaggi del territorio, della cultura, dell’economia, per dare informazione confrontarsi. Sul presente e sul futuro.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...