spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Criptovalute: tra limiti e opportunità. Ecco cosa sapere

    Le criptovalute sono una tecnologia tanto innovativa quanto incompresa: le tre principali opportunità offerte dalle criptovalute, ma anche le principali problematiche

    Le criptovalute sono una tecnologia tanto innovativa quanto incompresa. Data la grande capitalizzazione di mercato ed il valore bitcoin attuale, si parla spesso di questi asset come meri asset speculativi.

    Invece questa tecnologia può offrire moto di più.

    In questo articolo analizzeremo le tre principali opportunità offerte dalle criptovalute, ma anche le principali problematiche da considerare per chi vuole esplorare questo mondo.

    Decentralizzazione e neutralità

    La prima opportunità delle criptovalute è data dalla decentralizzazione e le opportunità che queste offrono.

    Le criptovalute operano in modo decentralizzato, senza la necessità di un’autorità centrale come le banche o i governi. La tecnologia alla base delle criptovalute come Bitcoin o Ethereum è la blockchain. Questa è un registro che memorizza in modo permanente e immutabile le transazioni, garantendo sicurezza e trasparenza agli utenti.

    Grazie alla decentralizzazione e all’immutabilità derivante, le criptovalute rappresentano una vera alternativa al sistema bancario tradizionale, offrendo un’infrastruttura finanziaria funzionante, efficiente e rapida a chiunque lo desideri.

    Questo è un grande salto in avanti per la società, dal momento che circa 1.2 miliardi di persone non possono avere un conto in banca e sono tagliate fuori dal mondo economico.

    Maggiore privacy

    Un’altra interessante opportunità, sebbene guardata con diffidenza, è la privacy che le criptovalute offrono agli individui nel proteggere le informazioni legate alla sfera patrimoniale. 

    Con le crypto si possono effettuare transazioni in modo anonimo, senza possibilità di tracciamento.

    A livello di protocollo, le criptovalute non richiedono l’utilizzo di identitò del mondo reale, quindi si possono utilizzare in maniera anonima di default. Nonostante ciò, è molto facile ricollegare le transazioni agli individui.

    Ecco perchè le criptovalute non possono essere utilizzate facilmente per compiere attività illecite. Perchè è possibile risalire alle identità per del personale competente.

    D’altro canto, i normali cittadini che non fanno nulla di male se non vivere la loro vita economica volendo tutelare informazioni personali, possono farlo tranquillamente.

    Efficienza ed economicità

    Rispetto al mondo finanziario tradizionale le criptovalute sono molto più rapide ed anche più efficienti da un punto di vista economico. L’intera infrastruttura poggia su meccanismi automatizzati dai computer e dal codice informatico, automatizzando operazioni che oggi invece hanno costi rilevanti perchè svolti da intermediari finanziari.

    Le transazioni con le crypto sono generalmente meno costose rispetto a quelle bancarie tradizionali, soprattutto quando si tratta di operazioni oltre confine o internazionali. Data la loro natura digitale e globale, le criptovalute eliminano la maggior parte dei costi associati agli intermediari.

    Questo rende gli scambi più economici e convenienti, offrendo alle imprese di portare a casa quelle percentuali di fatturato che vengono normalmente assorbite dai processori di pagamento e dagli intermediari. Si parla di cifre che vanno dall’1 al 3% in media.

    Ma quali sono invece i limiti e le problematiche di questi asset?

    Volatilità

    Le quotazioni del mercato delle criptovalute variano notevolmente nel breve periodo, incrementando i rischi di perdite finanziarie legate a cattive scelte d’investimento. La volatilità è poi particolarmente elevata in periodi di incertezza economica o politica. Ad esempio, durante il periodo Covid, Bitcoin è passato da 4,000 a 60,000 euro nel giro di 1 anno e mezzo.

    Questa volatilità rende le criptovalute un investimento ad alto rischio e potrebbe limitare la loro utilità nel breve periodo..

    Sicurezza e truffe

    Un’altra problematica è relativa alla custodia di questi asset. Essendo asset digitali che non sono in capo ad una società, ma ad un protocollo decentralizzato, la possibilià che gli asset vadano perduti o derubati può essere indirettamente proporzionale alle competenze degli individui. 

    Pertanto, chiunque voglia addentrarsi in questo mondo dovrebbe studiarlo da vicino e comprendere rischi e vulnerabilità. La possibilità di attacchi informatici e furti è elevata, e solo la competenza può mitigare i rischi. Poiché le transazioni di criptovalute sono irreversibili, le perdite potrebbero essere irrecuperabili.

    Regolamentazione incerta e avversa

    Sebbene in circolo da oltre un decennio, le criptovalute sono ancora nuove e le regolamentazioni applicabili sono in evolvere. Questo clima di incertezza limita le scelte degli individui e lo sviluppo da parte di aziende che sono scettiche nell’avvicinarsi a qualcosa di non regolato e che presenta varie tipologie di rischio. Inoltre, l’assenza di una regolamentazione adeguata aumenta il rischio di frodi e truffe del settore.

    Nonostante ciò, le criptovalute sono una tecnologia destinata ad evolvere e affermarsi col passare del tempo, ma è bene procedere con cautela.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...