spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 18 Settembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Riparazione di elettrodomestici: quando la lavatrice non funziona

    Proprio come per altri elettrodomestici, dal forno al frigorifero passando per la lavastoviglie, ci si rende conto dell’importanza della lavatrice quando questa viene meno...

    È uno degli elettrodomestici maggiormente utilizzati e presenti in tutte le nostre abitazioni: la lavatrice è indispensabile soprattutto quando si vive in famiglie numerose e la roba da lavare è, dal punto di vista quantitativo, consistente.

    Proprio come per altri elettrodomestici, dal forno al frigorifero passando per la lavastoviglie, ci si rende conto dell’importanza della lavatrice quando questa viene meno e quando ci si deve quindi rivolgere ad un servizio di riparazione elettrodomestici. Chi è il professionista che può garantire interventi di questo genere?

    La questione è molto ampia e dipende sempre dall’entità del danno oltre che dall’elettrodomestico in questione.

    Nel caso delle lavatrici, ad esempio, ad intervenire può essere un idraulico. Se la lavatrice non centrifuga ad esempio o se perde acqua, è proprio questa figura professionale che può essere contattata per intervenire e per riparare il malfunzionamento.

    La lavatrice non centrifuga: quali possono essere le cause

    Se la lavatrice non centrifuga le cause possono essere disparate: tra queste ci può essere un difetto legato alla alimentazione elettrica dell’elettrodomestico; l’intasamento della pompa o del filtro di scarico; il tubo che si è intasato; un eccesso di schiuma che si va a generare durante la centrifuga; perfino la serratura che chiude lo sportello che non funziona in modo corretto.

    In sostanza possono essere diverse le cause, importante è rivolgersi ad un servizio professionale di riparazione elettrodomestici per individuarle in tempi rapidi ed intervenire in modo efficace.

    Chi è il professionista che ripara elettrodomestici? Come detto le figure sono diverse così come le possibilità di intervento.

    Può essere un tecnico specializzato che viene inviato dalla casa madre, partendo dalla marca dell’elettrodomestico in questione; o si può trattare di un professionista generico, come un idraulico o un elettricista, che opera in veste di riparatore lavatrici.

    Lavatrice rotta: chi chiamare

    Per i servizi di riparazione elettrodomestici e, nello specifico, per malfunzionamenti legati alla lavatrice della propria abitazione, è possibile rivolgersi a tecnici riparatori di elettrodomestici che possono intervenire anche nel caso di revisione: solitamente queste figure professionali operano recandosi direttamente presso l’abitazione del cliente per analizzare il danno o il malfunzionamento.

    Nel caso poi in cui l’intervento richiedesse maggiori sforzi, spesso l’elettrodomestico in questione può essere portato presso il laboratorio di riparazioni del professionista, casistica nella quale dovranno essere calcolati, nella spesa finale, anche i costi di trasporto.

    Oggi questi servizi sono sempre più diffusi soprattutto grazie alla presenza del web ed all’uso degli smartphone, che consente di trovare professionisti geolocalizzati, quindi nelle proprie vicinanze.

    Un fattore determinante quando si abbia necessità di un supporto per riparazione di un elettrodomestico e la si abbia in tempi rapidi.

    Tutto quello che si deve fare è scegliere la tipologia di intervento e specificare in quale zona ci si trovi.

    Una soluzione estremamente valida quando non si abbiano sotto mano i contatti di un professionista e si debba procedere alla scelta a causa del guasto di un elettrodomestico della propria casa, che sia la lavatrice, il frigorifero, la lavastoviglie o qualsiasi altro elemento.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...