spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sugherificio Molinas amplia le superfici di foreste certificate FSC®

    Nel corso degli anni, gli sforzi si sono sempre più concentrati verso il raggiungimento dei più elevati standard in ambito di tutela ambientale

    Sugherificio Molinas, storica azienda sarda con sede a Calangianus, impegnata nella produzione e commercializzazione di chiusure in sughero per l’enologia e rivestimenti in sughero per la bioedilizia, amplia le superfici di foreste certificate FSC®.

    Sugherificio Molinas da anni si impegna attivamente per la salvaguardia delle foreste e degli ecosistemi, gestendo direttamente oltre 8.000 ettari di foreste situate nelle zone più vocate della Sardegna e della Toscana.

    L’obiettivo: non solo gestire direttamente la filiera produttiva fin dalla fase di estrazione della materia prima, ma anche avviare e mantenere nel tempo un percorso di continua crescita aziendale.

    Per questo motivo, nel corso degli anni, gli sforzi si sono sempre più concentrati verso il raggiungimento dei più elevati standard in ambito di tutela ambientale, come l’ambita Certificazione Forest Stewardship Council® (FSC®).

    La Certificazione FSC® è una certificazione internazionale, indipendente e di terza parte, specifica per il settore forestale e i prodotti – legnosi e non legnosi – derivanti dalle foreste.

    Per ottenerla è necessaria una pianificazione di numerose attività che vengono poi ispezionate e valutate da un ente di certificazione accreditato, come Bureau Veritas, che verifica l’effettivo adempimento della normativa FSC®.

    Nel 2022 Sugherificio Molinas ha lavorato per incrementare la superficie delle proprie foreste certificate, fino ad arrivare agli attuali 169.06 ha, con l’ottenimento della Certificazione FSC®, da parte dell’ente di certificazione CSI Spa, per due sugherete di proprietà situate nelle località di Montesu (in agro di Tempio Pausania con 24.37 ha di puro bosco di Sughera) e di Monti di La Jesgia (in agro di Calangianus con ben 45.39 ha).

    Già nel 2020-2021 l’azienda calangianese aveva ottenuto la Certificazione FSC® per la Catena di Custodia (CoC) BV-COC-164758 per Sugherificio Molinas e la Certificazione di Gestione Forestale (FM) ICILA-FM/COC-004337 per la Società Agricola Limbara ARL del Gruppo Molinas, segnando un punto di svolta verso la costruzione di un’azienda sempre più attenta al proprio profilo ambientale.

    Se la certificazione di Catena di Custodia (Chain of Custody, CoC) garantisce la rintracciabilità totale e dettagliata di un prodotto forestale, la certificazione di Gestione Forestale (Forest Management, FM), invece, assicura che la foresta sia gestita nel rispetto di rigorosi standard ambientali, sociali ed economici, basati sui 10 Principi e Criteri di gestione forestale responsabile (Principles & Criteria, P&C), definiti e mantenuti aggiornati da FSC con la partecipazione di tutte le parti interessate.

    Gli sforzi compiuti da Sugherificio Molinas sono stati ufficialmente ricompensati solo quest’anno, con le prime effettive produzioni realizzate con sughero certificato FSC® che hanno coinvolto i reparti del tappo naturale, del tappo spumante e della bioedilizia.

    Ma il cammino non si è concluso: in azienda si lavora già a nuovi progetti che vedranno coinvolta la Società Agricola Limbara ARL e che andranno a consolidare l’animo (già) sostenibile di Sugherificio Molinas.

    Scopri di più su molinas.it.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...