spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sugherificio Molinas investe sulla ricerca e i giovani

    L'azienda sarda quest’anno ha aperto le sue porte a cinquantadue studenti provenienti da tutta Europa

    I momenti di incontro e contatto diretto con le aziende sono una risorsa di fondamentale importanza per integrare e completare il percorso di studi e la crescita professionale dei giovani: lo sa bene Sugherificio Molinas, che quest’anno ha aperto le sue porte a cinquantadue studenti provenienti da tutta Europa.

    Sugherificio Molinas è un’azienda sarda, leader a livello nazionale ed europeo, specializzata nella lavorazione di una materia 100% naturale: il sughero. Una posizione che è stato possibile raggiungere grazie a oltre un secolo di esperienza alle spalle e al sapiente connubio di personale altamente qualificato e tecnologie sempre all’avanguardia.

    Grazie all’elevato livello di formazione e alla riconosciuta professionalità dei tecnici del proprio laboratorio qualità e ricerca, Sugherificio Molinas da sempre opera sinergicamente con istituti di ricerca (tra i quali varie Università e Agris Sardegna, l’agenzia regionale per la ricerca scientifica, la sperimentazione e l’innovazione tecnologica nei settori agricolo, agroindustriale e forestale), gruppi di lavoro nazionali ed internazionali, associazioni di settore come Federlegno-arredo e, in generale, enti ed organi di istituzione politica (comune, regione, assessorati regionali).

    Anche quest’anno l’azienda ha rinnovato con entusiasmo il suo impegno a favore dei momenti formativi ed ha accolto presso i suoi stabilimenti cinquantadue studenti provenienti da tutta Europa in occasione del Southern European Regional Meeting (SERM), l’assemblea annuale delle sedi locali aderenti all’Associazione Internazionale degli Studenti Forestali (IFSA).

    L’assemblea è stata organizzata dall’Associazione Universitaria Studenti Forestali (AUSF) di Nuoro che dal 1996 opera nel locale e sul territorio nazionale per la sensibilizzazione e l’approfondimento delle tematiche riguardanti la gestione forestale sostenibile, promuovendo attività di interesse scientifico e operativo, con il patrocinio di FSC Italia e molti altri operatori del settore.

    L’incontro ha visto gli studenti impegnati, in un primo momento, in una visita alla sughereta sperimentale di “Cusseddu-Miali-Parapinta” di Tempio Pausania, la prima sughereta, a livello mondiale, ad aver ottenuto nel 2005 la Certificazione Forestale FSC® per la gestione forestale e la catena di custodia.


    La visita è poi proseguita verso Sugherificio Molinas, dove gli studenti hanno avuto l’opportunità di osservare da vicino l’intero stabilimento produttivo e hanno potuto apprendere come vengono gestiti più di 8000 ettari di foreste di sughero di proprietà tra la Sardegna e la Toscana. Particolare attenzione è stata dedicata al percorso di sviluppo sostenibile intrapreso dall’azienda, impegnata in un generale efficientamento energetico di tutti gli impianti e attenta nel ricercare soluzioni e settori alternativi a quello enologico cui destinare gli scarti di produzione (ne sono alcuni esempi il settore dell’edilizia e quello calzaturiero).

    Scopri di più sulle attività di Sugherificio Molinas, visita il sito molinas.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua