spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il centro dialisi del Serristori torna all’attività ordinaria: adesso accoglie anche i negativi al Covid

    A gennaio era stato riorganizzato per accogliere solo dializzati positivi. Continua la sinergia Annunziata e Mugello

    FIGLINE INCISA VALDARNO – E’ tornato all’attività ordinaria il servizio di dialisi dell’ospedale Serristori che sulla base dell’andamento dell’epidemia dei casi di Covid-19, era stato indirizzato a gennaio sui soli pazienti dializzati risultati positivi.

    Ora il servizio di dialisi del Serristori è stato riconvertito all’attività di 6 posti tecnici e 24 pazienti Covid negativi, continuando tuttavia a garantire le attività di sinergia con il presidio del Santa Maria Annunziata e con la zona del Mugello.

    Il mese scorso l’alto numero di pazienti positivi che avevano comunque bisogno di continuare il trattamento, aveva richiesto una nuova sinergia dell’accoglienza tra le dialisi degli ospedali dirette da Pietro Dattolo.

    Il Centro dialitico di Figline aveva quindi accolto tutti i pazienti risultati positivi che arrivavano dal domicilio, sia dal territorio figlinese sia dalle dialisi degli ospedali del Mugello e del Santa Maria Annunziata, mentre il presidio di Ponte a Niccheri si era reso disponibile per la terapia ambulatoriale ai soli pazienti dializzati negativi.

    Nonostante il nuovo sistema dell’accoglienza sia stato applicato solo per poche settimane, grande è stato l’impegno di tutti coloro che sono stati coinvolti nella riorganizzazione del servizio.

    Dalla direzione sanitaria dell’ospedale Serristori arriva il ringraziamento agli operatori per la dedizione mostrata e le capacità organizzative messe in campo.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...