mercoledì 3 Marzo 2021
Altre aree

    Nuovi casi di positività al Covid-19. Sono 137 in provincia di Firenze: sette a Bagno a Ripoli

    Per quanto riguarda gli altri comuni del nostro territorio, nessun caso notificato a San Casciano. A Barberino Tavarnelle 1, a Greve in Chianti 3, a Impruneta 3

    FIRENZE – Sono 230 i nuovi casi positivi al Covid-19 comunicati oggi, sabato 23 gennaio, nei territori della Asl Toscana Centro.

    Dove nelle ultime 24 ore risultano 5 decessi  (4 in provincia di Firenze, 1 in provincia di Prato). Di seguito il dettaglio:

    Sono 137 i casi in provincia di Firenze, di cui  34 in zona empolese   .

    Bagno a Ripoli  7

    Barberino di Mugello 1

    Barberino Tavarnelle 1

    Borgo San Lorenzo 1

    Calenzano 2

    Dicomano 2

    Campi Bisenzio 3

    Fiesole 1

    Figline e Incisa 1

    Firenze 57

    Firenzuola 2

    Greve in Chianti 3

    Impruneta 3

    Marradi 3

    Pontassieve 4

    Reggello 1

    Rufina 2

    Scandicci 4

    Sesto Fiorentino 2

    Signa 2

    Vicchio 1

    Capraia e Limite 3

    Castelfiorentino 6

    Cerreto Guidi 3

    Certaldo 2

    Empoli 8

    Fucecchio 3

    Gambassi Terme 1

    Montaione 2

    Montelupo Fiorentino 2

    Montespertoli 4

    Sono 38 i casi in provincia di Prato.

    Carmignano 1

    Montemurlo 1

    Prato 32

    Vaiano 3

    Vernio 1

    Sono 44 i casi in provincia di Pistoia.

    Agliana 4

    Lamporecchio 3

    Monsummano Terme 4

    Montale 3

    Montecatini Terme 11

    Pescia 1

    Pistoia 11

    Ponte Buggianese 1

    Quarrata 3

    Serravalle Pistoiese 1

    Uzzano 2

    Infine, 11 i casi in provincia di Pisa.

    Castelfranco di sotto  4

    Montopoli in Val d’Arno 1

    San Miniato 3

    Santa Croce 3

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...