spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nuovi casi, ricoveri, terapie intensive. Confronto 2020-2021, Giani: “I vaccini funzionano”

    Il presidente della Regione Toscana diffonde i dati che mettono a confronto il 26 ottobre 2020 con il 26 ottobre 2021

    FIRENZE – I dati li diffonde il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani.

    E mostrano la differenza, in quanto a nuovi casi di positività al Covid-19, ricoveri ospedalieri e terapie intensive occupate, fra il 26 ottobre 2020 e il 26 ottobre 2021. Nella nostra regione.

    Dati che, a un anno di distanza, fanno dire al presidente regionale che “i vaccini funzionano”.

    A maggior ragione per il fatto che quest’anno, a differenza dello scorso, siamo anche in presenza della variante Delta del virus, altamente più contagiosa.

    Un anno fa infatti i nuovi positivi di giornata, in Toscana, erano 2.171, contro i 192 di oggi.

    I posti letto già occupati nei reparti Covid degli ospedali erano 889 (oggi 258), di cui 110 nelle terapie intensive (oggi 23).

    Quindi, il significato più ampio della dichiarazione di Giani, è il seguente: i vaccini funzionano, e oggi ci permettono di essere in condizioni molto migliori di un anno fa.

    Adesso c’è da fare tutto il percorso di terze dosi già iniziato: al momento per over 80, fragili, personale sanitario. Poi per over 60 (a sei mesi dalla prima dose).

    Più avanti vedremo se la terza dose sarà necessaria per tutti. Ma, e ogni giorno i dati che arrivano dai Paesi a più basso tasso di vaccinazione sono lì a dimostrarlo, il vaccino è al momento la risposta da dare al virus.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...