giovedì 13 Agosto 2020
Altre aree

    “Servono più controlli per chi arriva da area non Schengen”: Rossi chiede al Governo un provvedimento nazionale

    "Posso arrivare a stringere su Pisa e Firenze, ma non posso arrivare a dire cosa si deve fare su Milano, Roma, Bologna. Qui serve il Governo"

    FIRENZE – “A tutela della salute pubblica, chiedo al governo un provvedimento nazionale di quarantena obbligatoria per chi arriva nel nostro Paese, direttamente o indirettamente, da aree non Schengen”.

    A dirlo il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, visti i recenti focolai apparsi in Toscana e riconducibili a persone arrivate in Italia con voli internazionali da Paesi extra Schengen, come il Bangladesh o l’Albania.

    “I provvedimenti nazionali che abbiamo attualmente – prosegue Rossi – devono essere applicati con maggiore rigore, servono più controlli per chi arriva nei porti e negli aeroporti, anche con rimbalzo da altri Paesi europei”.

    “Ci siamo già mossi con la società Toscana Aeroporti – aggiunge Rossi – perché sia a Pisa sia a Firenze vengano fatti tutti i controlli necessari. Si stima che da qui alle prossime settimane negli scali della regione arriveranno 400-500 persone al giorno da aree extra Schengen”.

    “Controllare questi arrivi non è così complicato – sostiene Rossi – Posso arrivare a questo, ma non posso arrivare a dire cosa si deve fare su Milano, Roma, Bologna. Ecco perché chiedo un provvedimento di carattere nazionale”.

    “Anche se non siamo più in piena emergenza Covid – conclude Rossi – non possiamo abbassare la guardia. Sono stati fatti tanti sacrifici per uscire dal periodo peggiore dell’epidemia e dobbiamo continuare a essere prudenti e responsabili”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino