spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 5 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Arrestato alle Cascine del Riccio un 31enne accusato di spaccio di stupefacenti

    Classe 1992, marocchino, fermato grazie al lavoro dei carabinieri della Stazione del Galluzzo: fermato e arrestato nella strada comunale di Poggio Secco

    GALLUZZO-IMPRUNETA – Nella giornata di ieri, lunedì 23 gennaio, i carabinieri della Compagnia di Firenze Oltrarno hanno arrestato in flagranza di reato un uomo, di nazionalità marocchina, classe 1992, indagato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

    In particolare, nel corso di numerosi controlli che i militari della Stazione di Galluzzo stanno svolgendo nel loro territorio di competenza, finalizzati a reprimere il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti e dei reati comuni in genere, hanno fermato e sottoposto a controllo l’arrestato.

    Che si trovava lungo la strada comunale Poggio Secco, in zona Cascine del Riccio.

    All’esito del controllo effettuato, è stato trovato in possesso di circa 12 grammi, oltre a 0,6 grammi di cocaina e la somma contante di oltre 200 euro, suddivisa in banconote di diverso taglio.

    Per questo motivo i militari dell’Arma hanno proceduto al sequestro dello stupefacente e del denaro contante, ritenuto provento dell’attività di spaccio.

    All’esito degli accertamenti effettuati presso la sede della Compagnia Oltrarno, il 31enne è stato dichiarato in stato di arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

    E, su disposizione dell’autorità giudiziaria, trattenuto presso le camere di sicurezza del comando, in attesa del rito direttissimo che avrà luogo questa mattina presso il Tribunale di Firenze.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...