spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Accoglienza migranti, appello della Prefettura di Firenze: “Servono posti per accoglierli”

    I dati: ben 700 richiedenti la protezione internazionale assegnati alla Toscana negli ultimi quattro giorni

    FIRENZE -" Occorre un ulteriore sforzo collettivo sul fronte dell’ospitalità ai migranti".

     

    Questo è il messaggio che esce dalle riunioni che si stanno tenendo in queste ore in prefettura a Firenze, dove prosegue frenetica l’attività per reperire strutture di accoglienza.

     

    Solo negli ultimi quattro giorni sono stati assegnati alla  Toscana circa 700 richiedenti la protezione internazionale (di cui quasi 200 in provincia di Firenze)  e i posti disponibili si stanno rapidamente esaurendo.

     

    Da qui l’appello di Palazzo Medici Riccardi a istituzioni, enti locali e privati a segnalare con urgenza situazioni alloggiative a cui poter ricorrere.

     

    A questo riguardo gli interessati potranno fare riferimento anche alle manifestazioni di interesse, per l’affidamento del servizio di accoglienza, del 19 aprile e del 28 giugno pubblicate sul sito della prefettura. Sono attualmente ospitati in Toscana circa 9.800 migranti, di cui quasi 2.700 in provincia di Firenze.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...